A- A+
Zoom
Scuole e falsi titoli di studio: licenziati bidelli e docenti

Licenziamenti. Verifiche. Denunce. Cominciano ad avere effetto sia in Veneto sia in Campania le prime richieste di accertamento sulla conformità dei titoli di studio, avanzate da alcune scuole a partire da ottobre. Gli istituti che si sono attivati finora sono localizzati soprattutto nel Veneto, ma anche nelle Marche e in Abruzzo. Lo scandalo sembra destinato ad allargarsi a macchia d'olio.

In dicembre, secondo quanto rivelano oggi Il Gazzettino di Venezia e Il Mattino di Napoli, quattro bidelli salernitani e uno veneto sono già stati licenziati. E in molti altri casi pare stia per scattare la revoca dei contratti di assunzione, ottenute indebitamente da candidati che avevano presentato falsi diplomi.

Nei guai sono finiti anche tre insegnanti di sostegno salernitani, accusati di aver presentato titoli di formazione non regolari, tutti emessi da enti di formazione privati di Salerno che sono finiti a loro volta sotto inchiesta.

La Guardia di finanza della Campania ha da tempo avviato una serie di complesse indagini sul personale amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola. L’obiettivo è scoprire se fra coloro che sono stati assunti alla fine degli anni Novanta ci siano posizioni ottenute illegalmente, attraverso diplomi falsi: i primi licenziamenti fanno pensare che i sospetti fossero fondati.

I reati ipotizzati nell'inchiesta sono gravi, a partire dalla truffa ai danni dello Stato.  Tutti i soggetti colpiti dal licenziamento saranno anche denunciati alle rispettive Procure per dichiarazione mendace e presentazione di falsi titoli di studio.

L’inchiesta è partita da una denuncia circostanziata, giunta oltre un anno fa alle sedi regionali campane del Provveditorato agli studi. Dello scandalo si era occupata anche la trasmissione Mediaset Striscia la notizia, che più o meno un anno e mezzo fa, ad Avellino, aveva registrato di nascosto un uomo che sosteneva, in cambio di poche migliaia di euro, di poter fornire titoli di studio e attestati che garantissero punteggi superiori nelle graduatorie per gli aspiranti supplenti scolastici. L'uomo era finito agli arresti domiciliari e il prossimo 9 gennaio dovrebbe svolgersi un’udienza del processo.

Sullo scandalo dei titoli falsi sta indagando anche il Provveditorato agli studi di Salerno, ma è coinvolta tutta l'amministrazione scolastica campana, guidata dalla direttrice generale Luisa Franzese, che ha personalmente dato un grande impulso alle indagini e al repulisti

I primi riscontri sul commercio di titoli di studio falsi erano nati in ottobre tra Salerno e Napoli, e da allora il Provveditorato campano ha avviato un’indagine interna su alcuni presunti “diplomifici”.

Gli accertamenti amministrativi si collegano a quelli penali, condotti dalla Procura di Napoli, che ipotizza un legame tra lo scandalo dei diplomi falsi e l’incendio che il 2 dicembre si è sviluppato negli archivi del Provveditorato di Salerno: nel rogo sono andati in fumo proprio molti documenti relativi a titoli e registri di esami di Stato.

 

Commenti
    Tags:
    scuolainchiestabidellidocentifalsititolilicenziamento
    in evidenza
    BELEN, CHE LATO B A FORMENTERA LA FOTO INFIAMMA I SOCIAL

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    BELEN, CHE LATO B A FORMENTERA
    LA FOTO INFIAMMA I SOCIAL

    i più visti
    in vetrina
    Sesso, i 10 sex toy dell'estate. Tra luglio e agosto +20% vendite

    Sesso, i 10 sex toy dell'estate. Tra luglio e agosto +20% vendite


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Aci e Ferrari insieme per celebrare il 90° Gran Premio d’Italia

    Aci e Ferrari insieme per celebrare il 90° Gran Premio d’Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.