Spettacoli

Mario Biondi: il mio omaggio al "Brasil" in tutte le lingue

 

Milano (askanews) - Un progetto dedicato al mondo culturale brasiliano che lo appassiona e affascina sin da quando era bambino: esce il 9 marzo "Brasil" di Mario Biondi, raccolta di 13 brani inediti e rivisitazioni di grandi classici di quella tradizione musicale con una produzione a tre. "Avere collaborato con Mario Caldato e a Kassin a Rio de Janeiro è stato molto divertente, una grande scoperta, ho imparato tanto, il risultato finale al momento mi piace al 90% e io non mi amo sempre, anzi"."Io sono abituato a fare il produttore perchè ho quasi sempre arrangiato e prodotto i miei progetti finora, trovarmi ad avere a che fare con un produttore mi aveva messo in imbarazzo e ho pensato farà tutto lui, il primo giorno stavo in riserva, seduto e facevo il cantante. Alcune cose però non mi piacevano e ho cominciato timidamente a propormi fino a che è diventata una produzione a tre".Mario Biondi oltre che con l'inglese si è cimentato con il portoghese e il francese, oltre a cantare in italiano "Rivederti", il brano presentato a Sanremo dove è stato in gara per la prima volta. "Sono curioso di cantare in portoghese davanti ai brasiliani e curiosissimo in francese davanti ai francesi, mi piacciono le sfide e la benevolenza che molto spesso mi viene data pur non essendo madrelingua. Ogni tanto immagino che mi vedano come quando cantava Mal in italiano". "Io sono molto innamorato di 'Rivederti' e credo che abbia un buon filo conduttore con un linguaggio brasiliano di scrittura e di armonie e melodie".Il cantante nel 2018 debutta dal vivo nei palasport: il 17 maggio al Palalottomatica di Roma e il 20 al Mediolanum Forum di Assago, Milano. Il 5 luglio parte il tour nel Regno Unito, dove tornerà ad ottobre, poi sarà in concerto all'estero per tutta l'estate. "Non vedo l'ora di tornare in Giappone, ci hanno chiesto di andare in Australia, ci sono tante cose in ballo e sono contento di sviluppare l'attitudine internazionale di Mario Biondi che canta in tutte le lingue".

Advertisement
Advertisement