A- A+
Cronache

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

"Se il governo non ci ascolta la protesta andrà avanti a oltranza". Salvatore Bella, presidente di A.I. Tras (Associazione italiana trasportatori), è uno dei leader delle manifestazioni che stanno bloccando l'Italia e spiega le ragioni della sua categoria in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Si sta dipingendo tutto quanto solo con i forconi ma in piazza ci siamo anche noi autotrasportatori. Abbiamo più di cento presidi in tutta Italia. In Sicilia è tutto fermo e stiamo bloccando anche il Nord". Quanto andrete avanti? "Se non ci ricevono resteremo in piazza fino a Natale".

ITALIA BLOCCATA/ LA CRONACA DELLE PROTESTE

Salvatore Bella, quanto andrà avanti la protesta?

Ufficialmente la protesta è di cinque giorni. Però noi abbiamo chiesto al governo di essere ricevuti. Devono ascoltarci perché il protocollo delle tradizionali associazioni di categoria non porterà a nulla e non risolvono i problemi che abbiamo già evidenziato al ministro Lupi. Il problema è che stanno facendo passare il protocollo che è stato firmato come un fatto buono per tutta la categoria, cosa che non è vera. Purtroppo il governo sta ascoltando le persone sbagliate e inasprisce la protesta.

Ci sono anche gli autotrasportatori in piazza insieme ai "forconi", dunque...

Ma certo che ci siamo anche noi, qui stanno dipingendo tutto quanto solo con i "forconi" ma la nostra categoria ha composto più di 100 presidi in tutta Italia. In Sicilia abbiamo fermato tutto e lo stiamo facendo anche al Nord. Ci siamo eccome...

E se il governo non vi ascoltasse?

La protesta è a oltranza e se non ci ascoltano andremo oltre i cinque giorni che ci impone il codice. Resteremo in piazza fino a Natale.

Si segnalano anche scontri e disordini...

Sì ma per esempio in Sicilia hanno applicato delle direttive del ministro Alfano che sono assurde. Non possiamo portare i camion ai presidi e non si possono creare assembramenti con oltre 20 persone. Cose che non si vedevano neanche ai tempi del fascismo. Noi stiamo rispettando i prefetti ma qui in Italia non abbiamo più la democrazia...

C'è anche chi parla di "guerra" e "rivoluzione"...

Sì, sì, questa è una guerra fomentata da persone che pur di salvare la poltrona hanno girato la schiena alla categoria.

Avete ricevuto segnali dal governo?

No, purtroppo non ci è arrivato nessun segnale. Il problema è che il ministro Lupi sta ascoltando le persone sbagliate, si fida di chi gli dice che siamo una falange di eversivi e non ci riceve. Ma non è così, noi siamo il 90% della categoria e lo stiamo dimostrando visto che abbiamo bloccato l'Italia.

Qual è la situazione con le forze dell'ordine?

Le forze dell'ordine stanno collaborando con noi. In alcuni presidi hanno allontanato eventuali infiltrati, ad alcuni di noi che volevano portare i camion non glieli hanno fatti portare. Ma noi continueremo a seguire il nostro obiettivo: farci sentire dai cittadini italiani.

Tags:
aitrasforconiprotesta
Loading...
in vetrina
WANDA NARA, CHE SCOLLATURA. GIULIA DE LELLIS TOPLESS E... Le foto delle Vip

WANDA NARA, CHE SCOLLATURA. GIULIA DE LELLIS TOPLESS E... Le foto delle Vip

i più visti
in evidenza
FRANCESCA MANZINI, CHE LEZIONE NUDA CONTRO IL BODYSHAMING

Le foto e post dell'imitatrice

FRANCESCA MANZINI, CHE LEZIONE
NUDA CONTRO IL BODYSHAMING


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Quando le Ruote da Sogno diventano eco-sostenibili

Quando le Ruote da Sogno diventano eco-sostenibili


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.