A- A+
Cronache
Il mistero dei francobolli scomparsi

 

Da anni in Italia è in corso un curioso fenomeno che potrebbe essere materiale per un racconto metafisico di Italo Calvino o Dino Buzzati dal titolo: “La sparizione dei francobolli” che in sé non sarebbe poi, con tutti i problemi che ha il nostro Paese, un evento catastrofico, se si eccettua la bellezza artistica di certe miniature, ma diviene l’ennesimo fenomeno di approssimazione “all’italiana” per cui godiamo di una certa notorietà internazionale (purtroppo).

Andando in giro a chiedere i rettangolini colorati si ricevono perlopiù sorrisetti più o meno compiaciuti dei tabaccai che ci guardando con commiserazione: francobolli? Ma è roba di secoli fa, ora ci sono le email. D’accordo. Mettiamo però che in una città di turismo come Roma, Firenze o Venezia uno voglia inviare -affetto da totale snobismo-  una cartolina per distinguersi in un mondo di virtualità dozzinale che ci sommerge di immagini. Ebbene niente. I tabaccai i francobolli non ce l’hanno o non li vogliono vendere, “non si smerciano” è uno dei mantra ricorrenti ed invitano ad andare alla posta a farsi una bella fila per mandare una cartolina. La situazione di per sé già surreale è però peggiorata da una perentorietà: per inviare missive occorre pagare una tassa allo Stato monopolista sotto forma del simpatico rettangolino cromatico che i rivenditori sono obbligati ad avere.

Naturalmente tabaccai e Poste si rimpallano le responsabilità.

E poiché la gabella è imposta dal ministero dello Sviluppo Economico che si occupa anche di Poste forse il ministro Luigi Di Maio vorrà occuparsene. Sarebbe un piccolo segno di concretezza in una Italia allo sbando tra voragini stradali e francobolli obbligatori che non si trovano.

 

Tags:
francobolliluigi di maiotabaccaiposte
in evidenza
Trapianti, si riapre il dibattito Ecco "La rampicante" di Grittani

Novità editoriali

Trapianti, si riapre il dibattito
Ecco "La rampicante" di Grittani

i più visti
in vetrina
Melania Trump, cappotto geometrico Dior. Polemica sulle "spese pazze". FOTO

Melania Trump, cappotto geometrico Dior. Polemica sulle "spese pazze". FOTO

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.