A- A+
Economia
Bce, tutte le stime delle banche d'affari sulla fase tre del Qe

di Andrea Deugeni
twitter11@andreadeugeni

Occhi del mercato sulle decisioni di politica monetaria non convenzionale della Bce che riunisce oggi il suo Consiglio direttivo. Tutte le banche d'affari internazionali danno per scontato un taglio dei tassi (già negativi dello 0,30%) sui depositi con cui gli istituti di credito parcheggiano la loro liquidità presso Francoforte e, tranne il colosso britannico Hsbc, anche un aumento degli acquisiti mensili di titoli di Stato dei Paesi dell'Eurozona. Obiettivo: riportare nel medio il tasso d'inflazione vicino o uguale al 2% per far sì che l'economia devi dal pericoloso sentiero della deflazione che non spinge l'economia a acrescere.

Tranne Royal Bank of Scotland e la svizzera Ubs che si aspettano una sforbiciata al deposit rate di almeno 10 punti base (Rbs di 20), Goldman Sachs, Morgan Stanley, Hsbc, Citigroup, Credit Suisse e Barclays danno per certo invece un ritocco minimo all'ingiù dallo 0,30% allo 0,40%. Probabilmente tenendo in considerazione la forte opposizione che il presidente della Bce Mario Draghi ha dovuto fronteggiare nell'ultima settimana dal mondo finanziario tedesco: Allianz e Deutsche Bank, in primis.

Anche sul sul ritmo degli acquisiti mensili, con l'eccezione di Barclays e Hsbc, le big del mondo del credito internazionale ritengono che l'Eurotower porti a compimenti un ulteriore allentamento monetario, con un aumento dell'importo degli acquisti mensili dei titoli di debito dei Paesi membri di Eurolandia, ora di 60 miliardi euro. Per Morgan Stanley e il Credit Suisse, Draghi aggiungerà 20 miliardi di acquisti, 15 secondo Citigroup, dai 10 ai 15 invece secondo Rbs e 10 per Goldman Sachs.

Nessun prolungamento temporale invece per quanto riguarda il periodo degli acquisti, già ritoccato da Francoforte a marzo del 2017. Voce fuori dal coro inveceper la reginetta di Wall Street: Goldman Sachs infatti ritiene che la Bce prolunghi il quantitative easing fino a settembre del 2017. Ovvero di altri sei mesi in più.

"I livelli ancora deboli dell'inflazione, un Mario Draghi di basso profilo e l'aspettativa che la Federal Reserve rimanga ferma al prossimo meeting sulla politica monetaria sono tre fattori che fanno propendere per l'idea che oggi la Banca centrale europea non deluderà i mercati, come invece è successo a dicembre", ha osservato infatti Robin Brooks, strategist di Goldman Sachs, spiegando che il livello dei prezzi nell'Eurozona è ora inferiore rispetto al dato di dicembre, mentre l'indicatore core si sta avvicinando ai minimi dello scorso anno.

Brooks sottolinea inoltre come questa volta Draghi sia stato meno esplicito, a indicare che sta cercando di costruire un consenso da colomba "dietro le quinte". In aggiunta, l'aspettativa di inazione da parte della Fed al prossimo meeting sulla politica monetaria allenta i timori per una discesa dell'euro rispetto al dollaro.

Infine, poco gettonate una nuova asta di liquidità Ltro, data per certa solo da Ubs e Hsbc e una rimozione del minimum bid rate applicato nelle operazioni di variable rate tenders, ossia nei depositi a tasso variabile (finora la Bce remunera un minimo dello 0,05%). Leva che, solo per Barclays, Credit Suisse e Hsbc, Draghi azionerà per aumentare la liquidità potenziale nel sistema.  

Tags:
bcedraghiquantitative easing

in vetrina
Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

Fabrizio Corona e Zoe Cristofoli addio: non fu colpa di Belen. Il gossip

i più visti
in evidenza
Las Vegas rompe il tabù Primo museo sulla cannabis

Costume

Las Vegas rompe il tabù
Primo museo sulla cannabis

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.