A- A+
Esteri
Usa 2020: per Bloomberg dati sfavorevoli. Svolta al centro Dem a rischio flop

"Io ripeto il concetto: per me si vince al centro. E sono molto curioso di vedere come andrà a finire". Matteo Renzi, leader di Italia Viva, ha commentato così l'ufficialità della candidatura di Michael Bloomberg alle elezioni Usa 2020. Una mossa che è stata in gestazione per diverso tempo e sulla quale alla fine l'ex sindaco di New York ha rotto gli indugi, aggregandosi alla già affollata compagine di candidati alla Casa Bianca in corsa alle primarie dei Democratici. Ma i dati, almeno per ora, sembrano dire che la svolta al centro dei Dem auspicata da Renzi, parta in salita. 

Nei più recenti sondaggi di YouGov, di poco precedenti alla discesa in campo di Bloomberg, il 78 per cento degli elettori democratici si dice soddisfatto dei propri candidati, mentre solo il 22 per cento vorrebbe più scelte. Non solo. Nei primi sondaggi che hanno incluso anche il suo nome, Bloomberg non raggiunge neppure il 4 per cento che serve per qualificarsi al dibattito dei candidati Dem in programma a dicembre. A seconda degli istituti di ricerca, la percentuale degli elettori democratici che ha espresso la precisa volontà di votare Bloomberg oscilla tra l'1 e il 3 per cento. Insomma, non proprio un'ondata di consenso.

Non è tutto. Un altro dato appare ancora più significativo: solo il 37 per cento degli elettori democratici ha un'opinione positiva di Bloomberg, mentre il 31 per cento ha un'opione negativa. Si tratta di dati mediocri, anche perché sono stati raccolti tra i militanti Democratici, che solitamente riservano un gradimento ben più alto agli altri candidati alle primarie. 

Un altro elemento che gioca contro la candidatua di Bloomberg è certamente il fattore temporale: la sua discesa in campo, a meno di un anno dalle elezioni, appare in ritardo rispetto ai competitor, che hanno già avviato le loro campagne dandovi una struttura ben precisa e riconoscibile. Certo, Bloomberg può contare su un portafoglio molto profondo. Solo per gli spot televisivi che saranno trasmessi nelle prossime due settimane, Bloomberg ha investito 30 milioni di dollari.

La decisione di Bloomberg è maturata per provare a dare una sterzata verso il centro ai Democratici, visto che il candidato più "istituzionale", Joe Biden, appare in netta difficoltà e non sembra scaldare particolarmente i cuori degli elettori. Una strategia che lo colloca nell'alveo dell'area dei lealisti e dell'establishment del partito, messo però alle corde dai candidati più radicali, Bernie Sanders e, ancora di più, Elizabeth Warren

L'ala sinistra del partito, con i suoi candidati in crescita, avrà gioco facile a sfruttare in campagna elettorale il parallelo tra Bloomberg e Donald Trump. Non a caso, Sanders ha subito tirato in ballo il portafoglio del suo nuovo rivale di partito: "Crediamo che i miliardari non abbiano il diritto di comprare le elezioni", ha detto di Bloomberg, prevedendo che "non andrà lontano in queste elezioni". Da parte sua, l'ex sindaco di New York ha subito fatto sapere che rinuncerà al salario nel caso diventasse presidente. Difficile basti per conquistare i cuori più a sinistra.

Anche nel caso di una complicata rimonta nelle primarie democratiche, Bloomberg si troverebbe di fronte altri due ostacoli nel caso di una competizione diretta con Trump per entrare alla Casa Bianca. Uno di questi è il timore legato a un suo possibile conflitto di interesse, considerando che Bloomberg dirige un impero editoriale composto da quasi tremila giornalisti e quasi ventimila dipendenti sparsi in giro per il globo in 69 paesi. Tra questi anche la Cina, vale a dire il maggiore rivale strategico e geopolitico di Washington.  In passato il New York Times aveva anche raccontato della cancellazione di un'inchiesta sulle ricchezze di alti funzionari cinesi da parte dell'agenzia. E negli scorsi giorni, a ridosso dell'annuncio della candidatura, Bloomberg ha cancellato la sua partecipazione al New Economy Forum di Pechino. Visto il clima e la strategia anti cinese dei Repubblicani (e non solo, per la verità), Trump non esiterà a usare anche questo tema per battere il possibile rivale. 

twitter11@LorenzoLamperti

Loading...
Commenti
    Tags:
    usa elezioni 2020primarie democraticibloomberg ultimi sondaggidonald trumpelezioni usa ultimi sondaggibloomberg sondaggibloomberg gradimento
    Loading...
    in evidenza
    7 donne su 10 fingono l’orgasmo Uomini, stress da prestazione

    Sondaggio di JOYclub

    7 donne su 10 fingono l’orgasmo
    Uomini, stress da prestazione

    i più visti
    in vetrina
    Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve

    Neve in pianura al Nord e neve a Milano in arrivo. Ecco quando. Meteo neve


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan GT-R50 by Italdesign, prodotta in soli 50 esemplari

    Nissan GT-R50 by Italdesign, prodotta in soli 50 esemplari


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.