A- A+
Milano

 

 

arianna cavicchioli 500

 

Hanno sottoscritto la sua candidatura oltre 500 iscritti fra cui 11 Sindaci (Rho, Pero, Garbagnate, Solaro, Cologno, Vanzago, Liscate, Masate, Nerviano, Pioltello, Gaggiano), i consiglieri regionali Massimo D'Avolio e Onorio Rosati, l'europarlamentare Antonio Panzeri, i deputati Matteo Mauri e Eleonora Cimbro, il capogruppo provinciale Bruno Ceccarelli e diversi rappresentanti del mondo del lavoro milanese.

di Fabio Massa

 

Arianna Cavicchioli, già sindaco di Rho per due mandati, consigliere provinciale e poi consigliere regionale, è candidata alla sfida per la segreteria provinciale del Partito Democratico. Ad Affaritaliani.it spiega: "Io sono una amministratrice, porto questa esperienza nella gara. Pisapia? E' il nostro lume, dobbiamo aiutarlo individuando un metodo chiaro. Dobbiamo coinvolgere tutti. La Festa del Pd? Speriamo di individuare un luogo a Milano, l'anno prossimo, che sia economicamente sostenibile". Infine promette: "Se sarò segretaria chiederò a Barca di affiancarci nella riforma del Pd metropolitano..." L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Arianna Cavicchioli, partiamo subito dalle "etichette". Gliene hanno attribuite due: quella di ex bersaniana e quella di ex penatiana.
Mettiamola così: io ho fatto l'amministratrice. Questa è la mia palestra politica. In quella mia esperienza ho incrociato molte persone che hanno innovato il modo di fare amministrazione. Questa la mia formazione. Devo dire che il dare le etichette semplifica molto e forse troppo la situazione. La complessità di valori e di risorse non richiedono mai la semplificazione.

Ma lei rinnega qualcosa?
No, assolutamente. Ma dietro le etichette ci sono esperienze amministrative importanti, e la scelta nazionale di sostenere Bersani. Non si può ridurre tutto a un aggettivo.

Quella per la segreteria provinciale è una corsa a quattro. Nessuno la voleva, però poi si è finiti qui.
Io, come ho avuto modo di dire e scrivere, ho concorso anche all'individuazione, mettendo a disposizione la mia candidatura, di un nome unitario. Credo che il percorso sia stato molto giusto. Detto questo, oggi abbiamo di fronte quattro candidati che sono quattro risorse, che rappresentano pezzi di questo partito. Su questi noi dobbiamo discutere, in un tempo dato molto breve, ovvero 13 giorni. Dobbiamo misurare le persone e la loro disponibilità, il tempo che vorranno dare per un lavoro molto faticoso.

Tre motivi per cui un iscritto dovrebbe votarla.
Primo: per la mia esperienza amministrativa importante. Sono stato sindaco, consigliere provinciale e consigliere regionale. Secondo: perché sono persona che è disposta ad ascoltare. Terzo: perché credo di poter essere, con l'autorevolezza che io porto, sintesi di un percorso di riflessione.

Uno dei temi più grossi della campagna congressuale è il rapporto con la giunta Pisapia. Bussolati parlava di "partito inesistente".
Nella complessità non mi piace la semplificazione. Abbiamo un tema grossissimo: come Milano affronterà le grandi sfide. Oggi il Pd deve essere disponibile ad aiutare la giunta di Giuliano Pisapia. E' lui il nostro lume, e il nostro riferimento. Noi abbiamo una classe dirigente che non si limita al solo segretario: abbiamo i consiglieri comunali, gli assessori e i consiglieri di zona.

Non avete più il capodelegazione...
Questo è un tema che verificheremo. Ma vorrei dire che a tutte le persone di cui parlavo prima, io chiederò di condividere un percorso e un metodo. Fino ad oggi ci è mancato un metodo. Oggi avere risposte è presunzione. Dobbiamo sentirci tutti parte dello stesso progetto. Io metto a disposizione, se sarò segretario, un metodo oltre ai contenuti.

Facciamo qualche esempio.
Su Expo, che è un tema complesso, vogliamo dire la nostra e aiutare Pisapia? Sulla mancanza di lavoro vogliamo prendere posizione e portare idee? Mancanza di metodo vuol dire che poi nessuno si sente responsabile.

Prevedibilmente nessuno vincerà al primo turno, tra gli iscritti. Ci sono già accordi precostituiti per il secondo turno? A chi si sente più vicina?
Non ci sono accordi. Ognuno dei miei competitors è una risorsa. Apriamo ora un dibattito: laddove ci sono delle comunanze di metodo si rifletterà. Non è il momento di fare trattative prima del voto.

La Festa del Pd, se lei fosse segretario, rimarrebbe a Sesto San Giovanni?
Un tema è la localizzazione. Ha dei pro: il posto è bellissimo. Ha dei contro: la sua collocazione non centrale e una difficoltà di logistica. Io dico che per il 2014, anno che precede Expo, forse poter trovare in Milano finalmente un luogo che viene messo a disposizione delle forze politiche e che sia economicamente sostenibile sia una cosa giusta.

Arianna Censi, sulla De Cesaris, diceva che il suo obiettivo è di "farla reiscrivere al Pd". Considerato anche quanto è stato detto alla festa democratica...
Ci sono anche incidenti di percorso, delle modalità comportamentali. C'è chi è più sanguigno e chi meno. E' ovvio che il nostro obiettivo è di far reiscrivere al nostro partito più persone possibili. Parliamo della De Cesaris ma a me viene in mente anche Stefano Boeri, che non so se è iscritto ancora. Dobbiamo coinvolgere di nuovo tutte le persone che ci hanno portato a vincere a Milano.

Con lei segretario cambierà l'organizzazione del partito?
La domanda è: che modello di partito ci diamo in questa città? Attualmente abbiamo difficoltà di organizzazione. Visto che Milano è un laboratorio importante, io credo che chiedere a Fabrizio Barca, che ha elaborato un documento molto importante, di venire ad aiutarci sarebbe un bel colpo. Se sarò segretario chiederò a Barca di accompagnarci in questo percorso di riforma del PD nell'area metropolitana milanese.

Lei chi voterà a livello nazionale?
Io voterò Gianni Cuperlo.

Ultima domanda: un giudizio sull'operato di Cornelli.
Io credo che lui abbia messo a disposizione, insieme alla sua segreteria, il suo tempo. Però, pur riconoscendogli un lavoro molto apprezzato, io ritengo che il prossimo segretario debba lavorare solo e unicamente per il partito.

@FabioAMassa

Tags:
cavicchioli barca







A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Strasburgo, vittime e carnefici nell'Europa dei sensi di colpa
di Maurizio de Caro
Gilet gialli come la Rivoluzione francese: se il popolo è oppresso si solleva
di Diego Fusaro
Juventus, dittatura bianconera in serie A
di Massimo Puricelli

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.