A- A+
Milano
Patto per la Lombardia, Salvini punge Maroni: "Renzi vende bufale"

'Stilettata' di Matteo Salvini a Roberto Maroni. A chi gli chiedeva se ritiene che la sigla del patto per la Lombardia con il premier a Milano abbia nuociuto alla campagna referendaria per il 'no', il segretario federale leghista ha risposto: "Non commento. Posso solo commentare che Renzi sta vendendo bufale in tutta Italia, e sta promettendo gli stessi soldi a tutti. Quando va a Genova dice che sono per i genovesi, quando va Milano per i milanesi, a Bologna per i bolognesi. Pero' la gente non e' scema".

Il Pd lombardo legge come "sonora bocciatura" a Roberto Maroni la presa di posizione di Matteo Salvini sul patto per la Lombardia. "Delle due l'una - attacca il segretario lombardo dei Democratici, Alessandro Alfieri, in una nota -: o Maroni non conta piu' nulla all'interno della Lega o e' incapace di fare il presidente di Regione Lombardia. Il patto per la Lombardia e' stato chiesto da Maroni e le priorita' degli interventi sono state concordate da lui con il governo. Le parole di Salvini suonano come una sonora bocciatura: prendiamo atto che Maroni guida la Lombardia senza avere l'appoggio del suo partito".

“Dopo essersi presentato dal presidente del consiglio con il cappello in mano accantonando per un giorno gli strali da alfiere dell’autonomia, oggi Maroni è stato scaricato dal segretario Salvini che lo accusa di essersi bevuto le bufale di Renzi. In questa prevedibile farsa, in cui per la verità i lombardi hanno ben poco da divertirsi, un governatore già debole non può più contare nemmeno sull'appoggio del suo partito. E intanto i problemi della nostra regione, al netto di annunci e promesse, continuano a rimanere senza risposta”. È quanto dichiara Chiara Cremonesi, coordinatrice di Sel Lombardia e consigliera regionale.

LA REPLICA DI MARONI: "SONO RISORSE VERE" -  Il patto per la Lombardia porta in regione "11 miliardi veri, e in piu' c'e' l'impegno del governo nazionale a realizzare tutte le opere". Cosi' Roberto Maroni, conversando con i cronisti a margine della consegna della medaglia d'oro della Citta' di Bergamo al Maestro, Riccardo Muti, risponde indirettamente a Matteo Salvini, che in mattinata aveva criticato Matteo Renzi definendo "bufale" i patti siglati, anche altrove, non solo in Lombardia. "Questa - ha sottolineato il governatore - e' la novita' importante: tutte le opere previste nel patto, in particolare la Pedemontana, saranno realizzate. Sgombrato ogni dubbio, c'e' la firma e l'impegno del governo. Se mancano risorse, si troveranno. Sono 11 miliardi veri, risorse certificate, soldi concreti che siamo riusciti a strappare a Roma. Sono molto soddisfatto per i lombardi". "Il patto per la Lombardia porta in Regione 11 miliardi, soldi veri da destinare a infrastrutture, ambiente e sostegno alle nostre imprese", ha poi aggiunto Maroni, in un 'post' su Facebook. "Cominciamo subito a lavorare per attuare il patto, senza perdere tempo: domani a Bergamo ci sara' il primo incontro con i sindaci dei capoluoghi lombardi, per ascoltare le loro priorita' e definire il piano di azione comune", ha continuato.

ROMEO, CAPOGRUPPO LEGA: "MARONI IN BUONA FEDE, MA HA RAGIONE SALVINI" - "Sosteniamo il governatore Roberto Maroni, ne comprendiamo il pragmatismo e crediamo alla sua buona fede. Crediamo un po' meno invece alla buona fede di Renzi. E visto che, su 11 miliardi, solo 720 milioni sono quelli effettivamente stanziati, come si puo' dar torto a Matteo Salvini?". Cosi' interviene il capogruppo regionale della Lega Nord, Massimiliano Romeo, dopo che Salvini aveva bollato il 'patto per la Lombardia' stretto con Maroni come l'ennesima "bufala" di Matteo Renzi. "Del resto la storia recente ci insegna che, quando si ha a che fare con il leader del Pd, e' sempre meglio evitare di #staresereni", continua Romeo, che cita il tweet di Renzi nei confronti di Enrico Letta.

NANNI (M5S): "SALVINI SCOPRE L'ACQUA CALDA" - "Matteo Salvini scopre l'acqua calda: la sua Lega, Maroni incluso, annuncia soldi per la Lombardia che non esistono. Si sono scordati le priorita' dei lombardi e cavalcano slides, in perfetto stile renziano, a caccia di facili consensi. Ma i cittadini sono stufi di vuote parole e vogliono i fatti. Il Patto per la Lombardia e' l'ennesimo slogan che nasconde il vuoto assoluto di questi dinosauri della politica". Cosi' Iolanda Nanni, capogruppo del M5s Lombardia, commenta le parole di critica pronunciate da Matteo Salvini sul 'patto per la Lombardia' (definito dal segretario federale leghista una "bufala" di Matteo Renzi).
 

Tags:
patto per la lombardiamatteo renzimatteo salviniroberto maroni









A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino
Pd, Minniti e la sua sinistra per i deboli. Non dimentichi la lotta all'Ue
di Di Diego Fusaro
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.