A- A+
UrbanFile: appunti per Milano



In via Maiocchi 13, ma a dire il vero in tutto l'isolato formato anche dalle vie Stoppani e Zambeletti, incombono da ormai sette anni una gru abbandonata e uno scheletro strutturale di un palazzo mai completato.

L'eco-mostro, come spesso vengono chiamati questi edifici incompleti, ai passanti è pressoché invisibile perchè si trova in un lotto all'interno, coperto dalla cortina di edifici circostanti.

L'approvazione del progetto è avvenuta nel 2007 e poco dopo è arrivato l'annuncio dell'inizio dei lavori.

Qui si trovava un vecchio garage coperto a capannone; l'avvio del cantiere sollevò subito l'irritazione di tutti i condomini confinanti, i quali si resero conto che stava sorgendo un intero palazzo di otto piani in un lotto molto piccolo, di 500 metri quadri che avrebbe tolto "aria" all'isolato e avrebbe avuto una vicinanza di confine troppo ristretta.

Così dopo le proteste, gli abitanti della zona riuscirono nel 2011 a bloccare il cantiere appellandosi al neo eletto Sindaco Pisapia.

Come prevedibile, partito il contenzioso tra proprietari, costruttori e abitanti della zona, il cantiere venne subito bloccato e da allora più nulla è successo.

Intanto la "carcassa" dello stabile già giunto al quinto piano, troneggia ingombrante nel suo stretto lotto e ora preoccupa anche gli abitanti. I quali, oltre ad ammirare un mostro abbandonato da sette anni, temono che la struttura, realizzata in acciaio e legno, possa incendiarsi e la gru, abbandonata e fluttuante, possa collassare prima o poi.

Quanto ancora dovranno aspettare perché si giunga ad una soluzione?

Immagine 1
 

Lo scorcio da Via Zambeletti, nel 2008, si vede il vecchio capannone

 

Immagine 2
 

Nel 2008

 

Immagine 3
 

Nel 2014

 

Immagine 4
 

Nel 2018

 

Il lotto dove sorge l'eco-mostro non segue l'andamento delle via Stoppani e Maiocchi perché ricalca ancora l'andamento trasversale di due antiche rogge che qui scorrevano, il cavo Melzi che piegava a Ovest verso l'attuale piazza Otto Novembre e il fontanile Pennera o Brentano, in corrispondenza della cascina Brentani che invece piegava a sud dopo la via Maiocchi.

Anticamente via Maiocchi era detta "Stretta delle Cascine Consorziate", dove le cascine consorziate dovevano essere la Brentani, la Bianchi e la Clerici. All'inizio del XX Secolo qui sorsero, perché vicine alla ferrovia, piccole industrie, come una pelletteria e una grande lavanderia (un antico nome della zona era anche "Lavandai").

Mentre al posto degli attuali edifici corrispondenti ai civici: 13, 15, 17 di via Maiocchi, vi era, all'incirca, la cascina Bianchi. (ringrazio per le informazioni gli amici del forum Skyscrapercity)

 

Tags:
maiocchimilanocantiere
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Guido Grimaldi. Movimentazione delle merci: azione combinata strada/mare/ferro
di Paolo Brambilla - Trendiest
Sigarette elettroniche, mercato in crescita in Italia. Ecco i dati
di Anna Capuano
Chiusura delle cause col Fisco: Movimento Consumatori lancia l'allarme


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.