A- A+
UrbanFile: appunti per Milano



In via Maiocchi 13, ma a dire il vero in tutto l'isolato formato anche dalle vie Stoppani e Zambeletti, incombono da ormai sette anni una gru abbandonata e uno scheletro strutturale di un palazzo mai completato.

L'eco-mostro, come spesso vengono chiamati questi edifici incompleti, ai passanti è pressoché invisibile perchè si trova in un lotto all'interno, coperto dalla cortina di edifici circostanti.

L'approvazione del progetto è avvenuta nel 2007 e poco dopo è arrivato l'annuncio dell'inizio dei lavori.

Qui si trovava un vecchio garage coperto a capannone; l'avvio del cantiere sollevò subito l'irritazione di tutti i condomini confinanti, i quali si resero conto che stava sorgendo un intero palazzo di otto piani in un lotto molto piccolo, di 500 metri quadri che avrebbe tolto "aria" all'isolato e avrebbe avuto una vicinanza di confine troppo ristretta.

Così dopo le proteste, gli abitanti della zona riuscirono nel 2011 a bloccare il cantiere appellandosi al neo eletto Sindaco Pisapia.

Come prevedibile, partito il contenzioso tra proprietari, costruttori e abitanti della zona, il cantiere venne subito bloccato e da allora più nulla è successo.

Intanto la "carcassa" dello stabile già giunto al quinto piano, troneggia ingombrante nel suo stretto lotto e ora preoccupa anche gli abitanti. I quali, oltre ad ammirare un mostro abbandonato da sette anni, temono che la struttura, realizzata in acciaio e legno, possa incendiarsi e la gru, abbandonata e fluttuante, possa collassare prima o poi.

Quanto ancora dovranno aspettare perché si giunga ad una soluzione?

Immagine 1
 

Lo scorcio da Via Zambeletti, nel 2008, si vede il vecchio capannone

 

Immagine 2
 

Nel 2008

 

Immagine 3
 

Nel 2014

 

Immagine 4
 

Nel 2018

 

Il lotto dove sorge l'eco-mostro non segue l'andamento delle via Stoppani e Maiocchi perché ricalca ancora l'andamento trasversale di due antiche rogge che qui scorrevano, il cavo Melzi che piegava a Ovest verso l'attuale piazza Otto Novembre e il fontanile Pennera o Brentano, in corrispondenza della cascina Brentani che invece piegava a sud dopo la via Maiocchi.

Anticamente via Maiocchi era detta "Stretta delle Cascine Consorziate", dove le cascine consorziate dovevano essere la Brentani, la Bianchi e la Clerici. All'inizio del XX Secolo qui sorsero, perché vicine alla ferrovia, piccole industrie, come una pelletteria e una grande lavanderia (un antico nome della zona era anche "Lavandai").

Mentre al posto degli attuali edifici corrispondenti ai civici: 13, 15, 17 di via Maiocchi, vi era, all'incirca, la cascina Bianchi. (ringrazio per le informazioni gli amici del forum Skyscrapercity)

 

Tags:
maiocchimilanocantiere

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Hillary Clinton si ricandida alla Casa Bianca: l'ambizione smodata crea mostri
di Marco Zonetti
A Milano rinasce Trattoria Toscana-Elite, multiforme salotto dell'arte
di Paolo Brambilla - Trendiest
La sostenibilità condizione per accesso al cibo nei Paesi poveri

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.