A- A+
Roma
Le 76 scalinate verso il cielo di Roma e le rampe negli inferi della capitale

di Patrizio J. Macci

Alcuni libri richiedono devozione più che attenzione nell'atto della lettura. È il caso del volume di Alessandro Mauro “Se Roma è fatta a scale” (Exorma editore), un piccolo gioiello per la perfezione e lo stile con il quale è stato realizzato dall'autore che di professione si occupa della cura editoriale di volumi da venticinque anni.
Il sottotitolo è paradigmatico: “stanno alle scale come traverse però fatte di gradini”. Questo è il senso del libro, realizzato nel periodo compreso tra settembre 2014 e febbraio 2016 vagando per Roma a piedi e in bicicletta a guardare scale con l'intenzione poi di raccontarle.
Sono settantasei quelle alla fine narrate dall'autore, molte di più rispetto a quelle visitate che si spera un giorno possano finire in un secondo volume. Non un censimento ma una scelta del tutto arbitraria. Racconta l'autore: “nel corso dei mesi sono andato almeno una volta a guardare da vicino ciascuna delle scale di cui ho scritto, e oltre a scrivere ho trascorso molte ore su Google Maps”.
Il frutto di queste riflessioni sono confluite in un testo “sui generis”, colto, ricercato nei contenuti, senza dubbio non l'ennesima guida di Roma da allineare nello scaffale della biblioteca.
Ogni scritto, una rampa (o scala, scaletta, clivo, scalea, scalinata, salita, monte, gradinata ecc.) per vere e proprie esplorazioni urbane. L'autore disegna una mappa urbana che abbraccia tanto i quartieri storici quanto le periferie più misconosciute e lontane. Anche quando racconta luoghi celebri, abusati e da cartolina lo fa in maniera del tutto nuova. Per esempio con le parole di Cesare Pavese quando parla di Piazza di Spagna, oppure con un riferimento a un artista o a un personaggio che lì ha soggiornato se scova un mozzicone di scala nella Suburra o in un vicolo. I sampietrini stanno lì da secoli, sono gli occhi che guardano a fare la differenza.
Non manca lo scalino che porta al carcere di Regina Coeli, mitizzato da generazioni di malandrini.
Per non dimenticare mai che “Il mondo è fatto a scale...c'è chi le scende e chi le sale”, e nella Capitale le scale marcano anche la discesa nell'inferno della detenzione carceraria a Via della Lungara, assurte a simbolo di una certa romanitas maschia e un po' coatta.
“Se qualcuno decidesse di prendere una bicicletta o un tram” chiosa l'autore nella postfazione “per andarsi a vedere o rivedere qualche scala, sarebbe una specie di vittoria. In effetti, un'altra possibile causa della mia attrazione per le scale è che almeno lì sopra non possono andarci le macchine, che invece a Roma stanno quasi dappertutto”. Solo nei film di spionaggio il protagonista si arrischia a scapicollarsi lungo una scala con la sua fuoriserie. Nella vita reale le scale sono uno strumento di comunicazione.
Scale dove fermarsi a mangiare un panino oppure a tirare quattro calci a un pallone, scale chiuse da catene collocate da condòmini in assetto da guerra. Scalini come tasti bianchi di un pianoforte sui quali suonare variazioni cromatiche dell’anima con gli occhi persi nel cielo di Roma.

Tags:
alessandro maurose roma è fatta a scalescalinate di romamappa di romapatrizio macciexorma editore






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma maratona, caos sul bando: il Comune assegna l'organizzazione ai privati

Roma maratona, caos sul bando: il Comune assegna l'organizzazione ai privati

i più visti
i blog di affari
Diciotti, nostalgici dell'Ancien Régime scatenati contro i "beceri" populisti
di Massimo Puricelli
LUM School of Management sede di Milano. Si inaugura l'anno accademico
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitori Renzi, i domiciliari? Regolamento di conti nella Sinistra
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.