A- A+
Roma
Ospedali senza medici: ne mancano 60 mila, la speranza è negli extracomunitari

di Massimiliano Martinelli

Odissea sanità, medici in fuga: nel 2025 atteso un “buco” da 60mila specialisti. A tamponare l'esodo di una generazione pronta alla pensione, complice anche la famigerata “Quota 100”, un potenziale esercito di medici stranieri, attualmente esclusi in migliaia dai concorsi pubblici perché privi di cittadinanza. La proposta del professor Foad Aodi: “Aprite i concorsi, così gli stranieri salveranno il sistema sanitario nazionale”.

 

Camici bianchi privi di cittadinanza italiana chiamati a reggere la fuga da ospedali ed ambulatori pubblici. Potrebbe a breve non essere più una scelta quella di aprire le porte agli oltre 19mila medici di origine straniera, di cui oltre la metà senza cittadinanza e quindi, per oltre l'80%, impegnato nel privato. Secondo il professor Foad Aodi, presidente dell'Associazione medici di origine straniera nonché consigliere dell'Ordine dei medici di Roma, nel 2025 avremo infatti necessità di 60mila specialisti, ovvero lo svuotamento di personale ed un intero sistema potenzialmente al collasso. Uno scenario attualmente preoccupante, ma al tempo stesso scongiurabile: “Serve sbloccare le specializzazioni per 10mila giovani, poi, dopo, anche programmarle. Non servono a nulla avere tutti chirurgi – dichiara il dottor Aodi – Servono anche e soprattutto pediatri, laringoiatri, neonatologi...”.

E ancora: “Mancano borse di studio, non c'è turnover – denuncia Aodi – Ci sono interi reparti che chiudono e i pronto soccorso sono in difficoltà, purtroppo quello della mancanza di medici è un fenomeno già esploso da tempo. Quota 100? Certo, è una delle cause”. La soluzione? Risposte concrete, possibilmente rapide e decise, con quella proposta a metà tra provocazione e realtà: “Apriamo i concorsi pubblici anche ai medici stranieri, potrebbero essere loro la salvezza dell'Italia. E poi incentivi come limitare la burocrazia e pagamenti puntuali, sarebbe un inizio – prosegue Aodi – A noi in quanto associazione dei medici stranieri sono arrivate diverse denunce nell'ultimo anno; circa 200 medici non vengono pagati da tre anni, ed altri 50 ad esempio non vengono pagati per niente per problemi relativi a dispute interne alle cliniche in cui lavorano”. Anche perché l'alternativa potrebbe essere la così detta “fuga di cervelli”, ma al rovescio: “Sono aumentate del 25% le richieste di medici stranieri che vogliono tornare al loro paese – rivela il presidente Aodi – Qui sono spesso pagati poco e male, mentre in luoghi come l'Arabia Saudita prendono fino a 14mila euro al mese, ed in un mese circa sbrigano tutti i problemi burocratici”.

Scatta quindi l'appello anche alla Regione Lazio, chiamata, sull'onda di quanto parzialmente tentato da Puglia e Veneto, ad aprire le porte ai medici stranieri: “Abbiamo detto alle regioni, con tutto il rispetto per i colleghi, 'non fate arrivare medici dalla Romania' – dichiara Foad - Perché farne venire 10 se in totale poi ci vogliono almeno 1-2 anni per sbrigare tutte le pratiche relative, quando l'alternativa c'è?”.

Commenti
    Tags:
    ospedalimedicisanitàsaluteordine dei mediciextracomunitariimmigratimedici specialistifoad aodi




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Nudo in fila per un taxi all'aeroporto di Fiumicino. L'ira dei tassisti romani

    Nudo in fila per un taxi all'aeroporto di Fiumicino. L'ira dei tassisti romani

    i più visti
    i blog di affari
    I saperi umanistici nell’era dell’intelligenza artificiale e della robotica
    di Maurizio Garbati
    Aphrodite. Glamorous Goddess. We sell Culture
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Renzi è Berlusconi, Berlusconi è Renzi. Il tosco nichilista...
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.