A- A+
Roma

Dal burro di cacao per proteggere il sorriso delle famiglie che si rivolgono alla giusta compagnia di assicurazione; al pulisci-schermo di spugna con tanto di cartolina lenticolare per vederci chiaro e scegliere il farmaco adatto a curare le allergie degli occhi, passando per i più classici cappellini, zainetti, copri smartphone, e poi le immancabili chiavette USB ovviamente declinate nelle forme e nei colori più inconsuete.
Non chiamateli gadget: questi oggetti degni di un collezionista sono “concept”, oggetti strapersonalizzati per comunicare e veicolare messaggi. Le idee vengono partorite da uno staff giovane e tutto romano ma la materia prima arriva rigorosamente dalla Cina. L'obiettivo è sfatare il luogo comune secondo cui Cina uguale scadente. Dal punto di vista tecnologico i cinesi ci sono passati avanti anni luce secondo Riccardo De Cian, responsabile marketing della società di comunicazione Art-Work Company che annovera clienti come Mercedes Benz Italia, Aci, Mattel, Postevita, Unilever e Thales Alenia Space.

de cian 02


“Tutto il mondo compra in Cina, il gigantesco mercato dagli occhi a mandorla permette di realizzare un prodotto altamente personalizzato ad un prezzo migliore rispetto a quello di un oggetto standard fabbricato in Italia”.
Il risparmio si aggira intorno al 30%, ma ciò che conta è soprattutto la possibilità di avere un ricchissimo ventaglio di personalizzazioni: si possono scegliere materiali, colori, forme, scritte, disegni, tutto è modificabile. Il fantastico mondo del gadget negli ultimi anni è profondamente mutato: “Fino a qualche tempo fa bastava acquistare un oggetto e stamparci sopra il logo da promuovere. Oggi tutto è diverso: le aziende, soprattutto quelle più strutturate, si aspettano che il gadget possa in qualche modo rappresentarle, comunicando un messaggio che sia espressione dell'azienda stessa”, spiega Riccardo De Cian. Un risultato che richiede uno studio approfondito dell'azienda, per capire le sue dinamiche, la sua mission, i suoi obiettivi, le sue regole. E il risultato finale deve essere realizzato e poi venduto a prezzi competitivi e in linea con i budget sempre più risicati delle società. E' per questo che si vola dall'altra parte del pianeta: “In Cina abbiamo creato una rete di fornitori super affidabili - aggiunge Arsiero Pignataro, il guru degli esteri che ha passato quasi sei mesi a a fare avanti e indietro con l'Oriente -  persone del posto che conoscono il mercato, curano i contatti con le fabbriche, vanno alla ricerca di prodotti nuovi e originali. Certo le difficoltà all'inizio non sono state poche, siamo dovuti andare diverse volte in Cina per selezionare il personale e le aziende in grado di rilasciare tutte le certificazioni necessarie sui prodotti”.

Ma il gioco vale la candela quando il risultato è quello di riuscire a controllare tutta la filiera dalla progettazione al make up campione, alla grafica, allo sviluppo del prodotto fino alla spedizione, pratiche doganali comprese. “Il risparmio sui costi è notevole e ovviamente viene apprezzato dal cliente - conclude De Cian -  e così se il nostro Paese vuole tornare a competere deve procedere su questa strada: fantasia, flessibilità, competitività e ingegno”.

Tags:
made in italycrisi economicaingegnogadgetart-workriccardo de ciancina




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Regione Lazio, Zingaretti bacia l'M5S. “Datemi due tecnici come assessori”

Regione Lazio, Zingaretti bacia l'M5S. “Datemi due tecnici come assessori”

i più visti
i blog di affari
Grande successo per la serata ELIO ed Epson Moverio, all'Illy Caffè di Milano
di Paolo Brambilla - Trendiest
Gualtieri rilancia l'inganno verde. La way-out? Abbandonare il capitalismo
di Diego Fusaro
Salone Nautico di Genova. L'evoluzione elettrica del Cantiere Ernesto Riva
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.