A- A+
Coronavirus
Covid Germania, Merkel: "Situazione molto seria"

Continua a peggiorare la situazione pandemica in Germania, Paese che nelle ultime 24 ore ha registrato 25.831 nuovi casi e 247 morti per Coronavirus. Per questo motivo la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha difeso l'applicazione di nuove restrizioni in una Germania ancora "saldamente attanagliata" dalla pandemia da Covid. "La situazione è seria, molto seria", ha avvertito la leader del Cdu, che ha chiesto di ascoltare i continui "appelli" degli operatori sanitari sull'emergenza in corso. "Il virus non ascolta le mezze misure. Capisce solo una lingua: la forza", ha sottolineato la cancelliera, aggiungendo che il Coronavirus "non negozia" e che "ogni forma di esitazione è inutile".

Le nuove misure, compreso il primo coprifuoco nel Paese, sono contenute all'interno di una riforma che ha iniziato il suo iter parlamentare questa mattina preceduto dalle parole di Merkel nel Bundestag, il parlamento federale tedesco. Il progetto di legge cerca di limitare la capacità d'azione degli stati federali (Lander) nella lotta contro il virus e imporre restrizioni omogenee e uniformi in tutto il Paese. Restrizioni che partano automaticamente quando si raggiungono i 100 casi per 100.000 abitanti in un periodo di sette giorni. L'altro obiettivo è quello di rompere l'attuale stallo nei negoziati tra il governo centrale e gli stati federali, con alcuni Lander che si rifiutano, per ragioni economiche e sociali, di aumentare le restrizioni come proposto dalla Merkel.

"Dobbiamo fare tutto il possibile per fermare e rompere la terza ondata", ha aggiunto la cancelliera, che giudica le misure tardive ma necessarie e giustificate, nonostante comportino conseguenze per la libertà dei cittadini. La cancelliera ha dedicato parte del suo discorso al coprifuoco, una delle misure più criticate e messe in discussione. Si sono sentite grida e i fischi dai banchi dell'estrema destra, che negli ultimi mesi ha continuato a flirtare con le posizioni espresse dai negazionisti. Nella sua formulazione attuale, sarebbe vietato uscire di casa tra le 21 e le 5 del mattino in quelle regioni che superano i limiti individuati dal governo. Tra le misure proposte ci sono anche le limitazioni dei contatti interpersonali tra i conviventi e persone "esterne" a questi nuclei e  le chiusure di negozi non essenziali, tra cui le attività culturali, quelle legate al tempo libero e alla ristorazione.

Commenti
    Tags:
    covid germaniamerkel
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Vaccini e Spike, due studi bomba dagli Usa: il tg VERO GIORNALE

    TG Vero Giornale

    Vaccini e Spike, due studi bomba dagli Usa: il tg VERO GIORNALE

    i più visti
    in vetrina
    Wanda Nara esplosiva in allenamento: web impazzisce. Che foto (e che video!)

    Wanda Nara esplosiva in allenamento: web impazzisce. Che foto (e che video!)


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Hyundai: debutta Ioniq 5 il nuovo crossover elettrico

    Hyundai: debutta Ioniq 5 il nuovo crossover elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.