A- A+
Costume
La città di Gragnano esalta con una festa la Pasta Igp e la Valle dei Mulini

E’ la pastasciutta in tutte le sue forme la vera diva della Pasta di Gragnano Igp. Una diva sensuale, come testimoniava dieci anni fa nel calendario Pirelli l’immagine di Eva Herzigova in topless alle prese con una mangiata di spaghetti, sogno erotico-gastronomico che ha condito le fantasie di molti uomini. Una diva che fa scoccare la scintilla a tavola prendendo per la gola il partner come più elementare mossa della strategia della seduzione. Una diva esaltata ancora prima sugli schermi da Totò in “Miseria e nobiltà” e da Alberto Sordi in “Un americano a Roma”. Se l’Italia è riconosciuta come la patria della pasta, Gragnano lo è come la capitale mondiale di quella elitaria, di qualità perché trafilata al bronzo ed essiccata all’aria. Una pasta che racchiude in sé i cinque sensi: gusto, tatto, vista, olfatto e udito. Proprio la città dei Monti Lattari prende spunto dai cinque sensi per esaltarla con solennità. Lo fa con la 19a Festa della Pasta 2019, in programma sabato 28 e domenica 29, per iniziativa del Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano Igp che punta a riscoprire anche la valle dei Mulini, un vero e proprio “museo a cielo aperto”, simbolo delle caratteristiche che rendono inimitabile la Pasta di Gragnano Igp. Lungo il fiume Vernotico sorgevano decine di mulini, che diedero vita fin dal 1500 a uno dei primi  “distretti  industriali” dell’epoca. La strada dei mulini fu percorsa l'11 luglio del 1845 da re Ferdinando e dalla regina con la sua corte in visita a Gragnano per gustare i famosi "maccaroni". Il   Consorzio  di Tutela della Pasta di Gragnano Igp ha   avviato   da   tempo   il   recupero   dell’area, contribuendo al restauro nell’aprile del 2019 del   Mulino  “Porta di Castello di Sopra”, interamente ristrutturato, rimesso in funzione e naturalmente visitabile durante la kermesse.                            “Vorremmo  che  da  questa  edizione  della Festa  della  Pasta emergesse  un segnale importante -ribadisce Aurora Casillo, presidente del Consorzio di Tutela- per ricordare a tutti quale posto unico al mondo sia Gragnano. Scoprire le ricchezze paesaggistiche e culturali del suo territorio permette di apprezzare ancora di più il gusto inimitabile della sua produzione pastaia e il suo valore”.

Ospite della Festa nella serata di sabato sarà renzo Arbore con l’Orchestra Italiana, portavoce della più autentica cultura partenopea,  come la Pasta di Gragnano. Protagonista principale della Festa sarà naturalmente i "maccaroni" di Gragnano. Quelli contrassegnati dalla Igp.

Commenti
    Tags:
    montilattariarboremulini
    in evidenza
    La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

    Guarda la gallery

    La confessione di Francesca Neri
    "Sono una traditrice seriale"

    i più visti
    in vetrina
    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.