A- A+
Costume
"Il nome che mi hai sempre dato", il film di Nuzzo tratto da una storia vera

Un anziano guarda il mare di Gaeta seduto su un muretto con la foto della moglie morta. E resta in silenzio. La storia, realmente accaduta, diventa un flilm con la regia di Giuseppe Antonio Nuzzo. “Il nome che mi hai sempre dato”, questo il titolo del film che ha come protagonista Mariano Rigillo, si basa su una storia realmente accaduta, di profonda bellezza. “La bellezza della malinconia, dell’amore, della morte, del dolore, del ricordo”, dice Nuzzo. Il film, prodotto da Paradise Pictures in associazione con An.Tra.Cine Produzioni, Alfiere Productions e Social World Film Festival con il sostegno di Rai Cinema Channel, racconta la storia un vedovo anziano che porta tutti i giorni con sè la foto incorniciata della moglie, si siede sul muretto guardando il mare di Gaeta e rimane in silenzio. “Un gesto profondo e commovente -così l’autore del film- che mi ha spinto a scrivere e rielaborare la sua storia, per poterla portare ancora di più nelle case e nei cuori delle persone, una storia dimenticata ma indimenticabile”.

L’opera, girata sia in formato verticale che in orizzontale, vede come tra i protagonisti anche Anna Teresa Rossini, Marco Rosso Cacciapuoti e Fabiola Dalla Chiara, e verrà proiettata il  22 e del 23 settembre in Piazza del Popolo a Roma per il concorso Vertical Movie. “Abbiamo deciso di girare questo film breve nel doppio formato -spiega ancora il regista- in modo tale da rendere fruibile la storia e le immagini sia a chi lo guarderà attraverso il mezzo tradizionale come cinema e televisione in orizzontale, ma anche a chi è oramai abituato a visionare filmati sul proprio smartphone in verticale”.

La pellicola è un ritorno alla regia per Nuzzo dopo il fortunato “Lettere a mia figlia” con Leo Gullotta che gli è valso la vittoria del Giffoni Film Festival, una menzione speciale ai Nastri d’Argento e oltre 60 premi in tutto il mondo. Classe 1989, è direttore generale del Social World Film Festival, Mostra internazionale del cinema sociale, ha al suo attivo diversi documentari ed ha esordito al cinema nel 2017 con il lungometraggio “Le verità” con Francesco Montanari, Nicoletta Romanoff, Fabrizio Nevola, Anna Safroncik e la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta.

 

Commenti
    Tags:
    gaetavedovorigilloformia
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

    Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.