A- A+
Costume
Single è meglio: chi non sta in coppia si gode di più la vita. Ecco come

Peso forma, obiettivi realizzati e maggior tempo per sé sono solo alcuni dei 10 motivi fonte di benessere per chi non è in coppia. Lo svela, proprio nel giorno di San Valentino, MioDottore – piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner – ha indagato come si sentono donne e uomini single per comprendere se esistono benefici fisici ed emotivi per chi non vive una relazione amorosa, coinvolgendo il dottor Argo Penovi, psicologo. L’esperto ne ha trovati addirittura 10, analizzando nel dettaglio anche i pro dell’essere single, a tutte le età.

I single godono di miglior salute fisica ed emotiva: ecco 10 perché

Lo specialista di MioDottore premette che attualmente i vantaggi dell’essere single riguardano entrambi i sessi, senza particolari distinzioni di genere. Ma quali sono i 10 motivi per cui si sta meglio senza qualcuno al proprio fianco?

1. Più tempo per curare il proprio corpo. Quando si è in coppia i momenti da dedicare a palestra e sport diminuiscono necessariamente: si dà più spazio al partner, magari intensificando cene fuori casa e pranzi con parenti. Non stupirà dunque che, mediamente, le persone single risultano più magre di chi è in dolce compagnia.

2. Maggior spazio per le proprie passioni. Se vissuti appieno, gli interessi preferiti necessitano di una quantità notevole di tempo, che si assottiglia drasticamente quando si è in due, proprio perché il vivere in coppia richiede più tempo di qualsiasi altra attività. Inoltre, qualora i partner non condividano le stesse passioni è probabile che seguirle risulti difficile.

3. Più energia per le amicizie. Come per le passioni, l’approfondimento di rapporti amicali necessita cura; anche in questo caso se tra i partner non ci dovesse essere allineamento tra le amicizie, coltivarle diventa complesso.

4. Meno stress per ordine/disordine. Quando si convive con altre persone bisogna inevitabilmente accettare abitudini che non sempre sono congeniali, una delle più frequenti è l’imposizione dell’ordine o del disordine, mentre quando si è single si può organizzare lo spazio domestico a proprio piacimento.

5. Viaggi più rilassati. Un’attività stimolante come la scoperta di nuovi angoli di mondo, può essere fonte di stress qualora i desideri non combacino. Accordare le esigenze di entrambi non è facile e questo rallenta i processi organizzativi riducendo anche la possibilità di partire all’improvviso.

6. Più tempo per sé. Quando si è in coppia si tende a investire tempo ed energie per far piacere al partner più che pensare al proprio benessere.

7. Disponibilità economica più ampia. Le coppie tendono a spendere molto per regali, cene e sorprese, rimanendo con meno soldi per le proprie passioni; i single invece possono organizzare in maniera diversa e autonoma il proprio budget.

8. Zero regole e giustificazioni. I single hanno la possibilità di gestire i propri orari di uscita e rientro a casa e possono essere più sereni e senza sensi di colpa qualora volessero flirtare, anche innocentemente, con qualcuno.

9. Meno litigi. In un rapporto a due, le discussioni, più o meno ricorrenti, sono normali, tale problematica invece non stressa i single.

10. Impegnarsi in un progetto. Maggior tempo e libertà garantiscono la possibilità di impegnarsi in un’idea o un obiettivo specifico che possa dare soddisfazione personale.

I benefici dell’essere single a 20 anni

Non essere in coppia e dunque avere più tempo da dedicare al proprio percorso di studi, allo sport e alla carriera è senza dubbio uno dei vantaggi più significativi della singletudine in questa fascia d’età. Molti tra coloro che non hanno avuto relazioni amorose per lunghi periodi tra i 20 e i 30 anni, spesso oggi ricoprono posizioni lavorative di maggiore prestigio. Questo perché ogni relazione amorosa richiede una quantità di energie, denaro e compromessi che non possono essere incanalati nella costruzione di progetti privati.

L’assenza di un partner fisso durante questo periodo di vita non necessariamente stimola la sperimentazione sessuale, in quanto sono soprattutto il tessuto sociale e l’ambiente culturale a giocare un ruolo chiave. Infatti ragazzi e ragazze – indipendentemente dal genere, che non è un indicatore di comportamento – qui strutturano personalità e convinzioni. Ad esempio, se un giovane cresce in un ambiente disinibito dove il rapporto sessuale è normalizzato, è più probabile che sia predisposto alla sperimentazione, al contrario chi vive dove l’idea primaria è desiderare una relazione stabile, è probabile che lo sia molto meno.

Essere single tra i 30 e i 40 anni

I trentenni di oggi sono molto differenti rispetto a quelli di 10 anni fa perché la società è cambiata molto, sia per il protrarsi della fase adolescenziale sia per il prolungarsi del percorso di studi necessario a diventare professionisti affermati. Infine, l’attuale situazione economica non ha permesso a tutti di essere indipendenti e avere un’abitazione altra dalla famiglia di origine. Molti di loro, dovendo rimanere a casa dei genitori, non si pongono l’obiettivo primario di costruire una famiglia propria, ma preferiscono investire in hobby e svaghi. Tale situazione genera una seconda adolescenza priva dei difetti della precedente (dove molte insicurezze sono state affrontate, si ha denaro per propri piaceri e la libertà di un adulto) portando a preferire l’indipendenza rispetto alla creazione di un’unione consolidata.

Anche a livello sessuale, i trentenni single dei nostri giorni sono più attivi e disinibiti rispetto ai coetanei di 10 anni fa: per attitudine adolescenziale, potere economico e per le nuove tecnologie e app di incontri che facilitano l’avvicinamento a più partner.

I benefici per i 40enni

Si potrebbe pensare che la non creazione di un nucleo familiare sia una sorta di “progetto mancato”, ma questo può essere fonte di malessere solo per chi lo desidera e non ha ancora avuto modo di raggiungerlo. In realtà, secondo l’esperto di MioDottore, sono sempre di più gli italiani che preferiscono uno stile di vita votato alla libertà individuale. Per loro la decade tra i 40 e i 50 anni è il momento perfetto: infatti chi aspirava ad essere un professionista in ambito lavorativo ha avuto modo di diventarlo, i guadagni economici sono cospicui, la maturazione psicologica è raggiunta e la sessualità può essere libera e senza compromessi.

Singletudine over 50

La principale differenza riscontrabile nei cinquantenni è tra chi vive questa età da single senza figli e chi con prole al seguito e magari nipoti. L’aspetto positivo dell’essere single senza ragazzi in questo periodo della vita si traduce con l’avere meno preoccupazioni e scontri generazionali, oltre a non sentirsi “prigionieri” di quella che nel corso degli anni può essersi trasformata in una famiglia disfunzionale. Diversamente, chi è single ma con figli e magari nipoti, può godersi l’affetto dei propri cari – che ha sempre enormi benefici dal punto di vista emotivo, soprattutto quando ci sono nipotini – ma senza condividere gli spazi e i tempi di una famiglia da gestire in prima persona.

Loading...
Commenti
    Tags:
    singlesingle san valentinosingle salutesingle è megliosingle si vive meglio
    Loading...
    in evidenza
    Serena Enardu out. Liti durissime Tre nuove sensuali concorrenti

    Grande Fratello Vip 4 news

    Serena Enardu out. Liti durissime
    Tre nuove sensuali concorrenti

    i più visti
    in vetrina
    Wanda Nara replica al padre: "Difende Maxi Lopez e mi attacca perché..."

    Wanda Nara replica al padre: "Difende Maxi Lopez e mi attacca perché..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Pininfarina festeggia 90 anni mantenendo il suo dna di eccellenza e innovazione

    Pininfarina festeggia 90 anni mantenendo il suo dna di eccellenza e innovazione


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.