A- A+
Cronache
Acqua Santa Croce, arrestato l'ad Colella

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di L'Aquila hanno eseguito stamane un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Avezzano, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Camillo Colella legale rappresentante della societa' 'Acqua Santa Croce' di Canistro, nota a livello nazionale. Sono inoltre stati sequestrati beni immobili e risorse finanziarie nella disponibilita' dell'indagato per circa 13 milioni di euro. L'indagine e' stata avviata a seguito di una verifica fiscale, eseguita dai finanzieri del capoluogo abruzzese nel 2011, nei confronti della societa' che ha portato, dopo complesse ed articolate investigazioni economico-finanziarie, alla scoperta di rilevanti importi, per circa 9 milioni di euro, sottratti al pagamento dell'imposta sul valore aggiunto e delle imposte sui redditi (Ires, Irap, ritenute alla fonte) relative agli anni dal 2008 al 2013. Con riferimento a tali omissioni l'uomo era stato denunciato alla Procura di Avezzano. Sulla scorta di ulteriori approfondimenti investigativi concordati con gli inquirente, le attivita' d'indagine sono state estese all'accertamento di tutte le posizioni debitorie della societa' nei confronti del fisco, anche in considerazione delle risultanze di pregresse attivita' ispettive svolte nei suoi confronti da parte della Direzione regionale Abruzzo e della Direzione provinciale di L'Aquila dell'Agenzia delle Entrate. Tale attivita', svolta dal Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di L'Aquila congiuntamente a personale dell'Agenzia delle Entrate, ha portato alla luce ulteriore materia imponibile che ha fatto lievitare le imposte dovute ma non versate a circa 13 milioni di euro. Importo, questo, sottratto al versamento delle imposte attraverso insidiose ed artificiose manovre di dissimulazione, prontamente intercettate e compiutamente ricostruite dai finanzieri unitamente ai funzionari dell'agenzia fiscale. Dette manovre dissimulatorie, attentamente pianificate e puntualmente realizzate dall'indagato con il fine precipuo di rendere inefficaci le procedure di riscossione coattiva promosse da Equitalia, consistevano principalmente nell'effettuazione di finanziamenti infragruppo infruttiferi per importi considerevoli. Attraverso tali forme di finanziamento, la societa' veicolava, quindi, le somme in altre imprese del gruppo senza pretenderne la restituzione (attraverso rinunce al credito), nell'intento di svuotare le casse della societa' vanificando le aspettative del Fisco. La lotta alle frodi fiscali da sempre costituisce una delle priorita' per la Finanza che - afferma il Corpo delle Fiamme Gialle - anche attraverso forme sempre piu' virtuose di collaborazione con gli uffici finanziari, e' costantemente protesa a contrastare gli effetti negativi causati all'economia dall'evasione che ostacola, come noto, la concorrenza tra imprese, danneggia le risorse dello Stato ed accresce il carico fiscale per i cittadini onesti.

Tags:
santa croceacquacolellaad
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima





casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.