A- A+
Cronache
laboratorio di ricerca

Sesto decesso per il nuovo ceppo di influenza aviaria in Cina, e intanto - mentre il governo di Pechino si dice pronto a mobilitare risorse a livello nazionale per bloccare l’epidemia - Giappone e Hong Kong hanno elevato il livello di guardia, e gli Usa annunciano di aver iniziato a lavorare al vaccino (che però richiaderà almeno 6 mesi per la commercializzazione). L’ultima vittima è un agricoltore di 64 anni morto a Huzhou, nella provincia dello Zhejiang, la seconda persona a morire nella provincia a causa del contagio da H7N9.

Nella giornata di ieri era deceduta un'altra persona a Hangzhou, un trentottenne che lavorava come cuoco. Le altre due vittime provenivano da Shanghai. Le autorita' della metropoli hanno messo in atto un piano di allerta che riguarda soprattutto scuole, ospedali e ricoveri per anziani, che hanno l'obbligo di riferire alle autorita' sanitarie se ci sono casi a rischio. L'Organizzazione Mondiale della Sanita' ha voluto mitigare i timori nella giornata di martedi', ma ha sottolineato l'importanza di capire come si sviluppa il contagio all'uomo.

Tags:
usaaviariaantidoto
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.