A- A+
Cronache
Chef italiano rapito in Ecuador: blitz armato e alla luce del sole nel locale
chef rapito ecuador

Chef italiano rapito in Ecuador, la Farnesina segue da vicino il caso 

Blitz armato e alla luce del sole direttamente nel suo ristorante: lo chef abruzzese Panfilo Colonico è stato rapito in Ecuador da quattro persone all'interno del suo locale “Il Sabore mio”. Colonico era da poco più di due anni nel Paese sudamericano, molto conosciuto lì come "Benny". Le telecamere del proprio ristorante a La Garzota, quartiere vicino all'aeroporto della metropoli di Guayaquil, capitale commerciale dell'Ecuador, mostrano due individui vestiti da poliziotti che restano fuori il locale mentre altri due con la minaccia delle armi lo prelevano per portarlo via. Il sequestro è accaduto venerdì scorso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chefecuador
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey





motori
Concept Mercedes-AMG PureSpeed: il futuro delle Hypercar Mythos

Concept Mercedes-AMG PureSpeed: il futuro delle Hypercar Mythos

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.