A- A+
Cronache
franco coppi

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

"Mai vista una cosa del genere in 40 anni di carriera". La Cassazione ha fissato a tempo di record la data dell'udienza sul processo Mediaset. Franco Coppi, il più celebre avvocato penalista in Italia e da poco legale di Silvio Berlusconi, esprime la sua sorpresa in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Questa fretta è sorprendente". Si dice che almeno così la Suprema Corte scongiuri il rischio prescrizione e quindi di un nuovo appello: "Non è vero, la pena può essere ricalcolata direttamente dalla Cassazione". Contraccolpi sulla difesa?: "Di fatto non avremo tempo per organizzarci. Come reagirò? Mi terrò dentro quello che penso e mi rimboccherò le maniche". Se gli si chiede se ravvisa un accanimento contro il Cavaliere Coppi cita il suo vecchio cliente Giulio Andreotti: "A pensar male si fa peccato ma ogni tanto ci si azzecca". E non smentisce nemmeno che si occuperà della difesa dell'Ilva: "Si vedrà".

Franco Coppi, la Cassazione ha fissato per il 30 luglio l'udienza sul processo Mediaset. Questa decisione la sorprende?

Un mio vecchio cliente diceva che a pensar male si fa peccato ma ogni tanto ci si azzecca. Non voglio pensar male però certo è che è una cosa abbastanza sorprendente questa celerità...

La decisione potrebbe essere dettata per evitare la prescrizione sul presunto reato del 2002?

La fretta non è giustificata dal fatto che nel frattempo uno di questi episodi si possa prescrivere. In corte di Cassazione capita in continuazione che venga dichiarata la prescrizione di alcuni reati. La Cassazione detrae la pena corrispondente e per il resto conferma, se deve confermare, la sentenza di condanna. Per cui questa fretta è una cosa che mi sorprende e in qualche misura mi lascia anche fortemente amareggiato. Non mi era mai capitato in 40 anni di carriera di vedere una cosa del genere.

Quali ripercussioni ci saranno sulla vostra difesa?

Noi contavamo di avere alcuni mesi davanti per poter approfondire molti dei temi trattati nei motivi di ricorso, anche lì con una qualche sommarietà perché dovevamo rispettare determinati termini. Di fronte a un processo fissato tra venti giorni cambia tutto. Tenendo conto che poi ognuno di noi ha anche altri impegni. Io per esempio domani mattina sono in Cassazione per processi fissati mesi fa ed è tutto tempo che non posso dedicare a un processo fissato tra capo e collo in questa maniera. Sul piano sostanziale, al di là di quello formale, lei capisce che un conto è prepararsi con calma e acquisire memorie, eccetera. Tutt'altro conto è invece doversi rimboccare le maniche e incominciare a pensare a una discussione che comincia tra 20 giorni.

In che modo pensate di reagire?

A parte tutto quello che posso pensare e tenermi dentro? Niente, ci rimboccheremo le maniche, lavoreremo la notte e cercheremo di essere pronti.


Lei ha preso in mano da pochi mesi i processi di Berlusconi. Ma si può dire come hanno spesso detto altri suoi colleghi che c'è un accanimento nei suoi confronti?

Non parlo di accanimento o meno però prendo atto di una cosa che non mi era mai capitata.

E' vero che si occuperà anche della difesa dell'Ilva?

Si vedrà, si vedrà...

Tags:
coppiberlusconi
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.