A- A+
Cronache
Jennifer come Giulia Tramontano uccisa incinta: niente omicidio per il bimbo

In che senso avvocato Schioppa? Perché il nostro ordinamento fa così fatica a stabilire a chiare lettere che Hevan ieri e Thiago oggi fossero essere viventi con tutto ciò che ne consegue? "Probabilmente perché andiamo a sconfinare e a toccare in modo tangenziale la legge sull’interruzione di gravidanza che però, in casi come questi, non c’entra assolutamente niente, eppure evidentemente rappresenta un punto sensibile dello scontro fra contrapposte ideologie. L’unica spiegazione che mi do è che qualcuno tema che con l’ammissione della natura di omicidio per questo tipo di reati (l’omicidio di un bambino ormai formato ma pur sempre nella pancia della madre ndr) si possa incrinare il diritto dell’interruzione di gravidanza da parte delle donne". 

Ma sono due casi completamente diversi. "Verissimo, totalmente distanti, anche come tempi. Nei casi di Jennifer e Giulia subentrano poi il dolo, la volontà, la determinazione. L’interruzione di gravidanza ha limiti temporali ben precisi per cui nessuno dovrebbe poter accostare le due cose". 

Sono passati tanti anni dall’omicidio di Jennifer. Crede che questo nuovo caso possa indurre il legislatore a introdurre delle novità? "Il legislatore o anche la sensibilità dei nostri magistrati che certe volte ne anticipano il lavoro. Non si può ignorare che nel caso di Jennifer, come immagino in quello di Giulia, ci fu dolo. Nello specifico, la volontà di uccidere le ragazze per uccidere anche il bambino che portavano in grembo". 

Ed è quello che a suo tempo, lei e il suo team di avvocati, riuscì a fare. Non ci fu la condanna per duplice omicidio ma si arrivò fin dove si poteva arrivare. "Sì diciamo che è stato un risultato intermedio, ecco. Siamo riusciti a ottenere che la morte del bambino non venisse totalmente ignorata ma fosse considerata anch’essa dall’ordinamento giuridico come reato. Si è trattato di un successo anche se non siamo arrivati al punto di ottenere che Hevan fosse riconosciuto come persona (ma come come feto sicuramente sì). Ma qualcosa doveva essere fatto perché fu un caso troppo eclatante". 

Come pensa si muoveranno ora gli inquirenti e gli avvocati che seguiranno la famiglia di Giulia Tramontano? "Penso che concentreranno la loro attenzione sulla volontà di uccidere proprio perché non nascesse il bambino. Quindi la presenza di un dolo duplice: non solo per l’omicidio della fidanzata ma anche perché il loro bambino non restasse in vita. Anche in questo caso, come in quello di Jennifer, non un evento secondario né fortuito. La mancata nascita è stato un evento volontario, alla base, per quello che ne so, della decisione di uccidere.

Niero prese il massimo della pena ed è probabile che a Impagnatiello spetti un destino simile. Qualora venisse riconosciuto il duplice omicidio la condanna non potrebbe comunque superare questa soglia come stabilito dal nostro ordinamento. Perché allora insistere con questa battaglia che resta, lo abbiamo detto, soprattutto ideologica? "I soldi non c’entrano, anche perchè per queste famiglie sono solo una magra consolazione. Tanto più che questi personaggi, di solito, non hanno nemmeno un patrimonio sul quale rivalersi. Io penso sia soprattutto una questione di giustizia, per il fatto che non una vita, ma due vite siano state scisse". 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giulia tramontanojennifer
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.