A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

Auschwitz Shoah

Ma allora, lo hanno sollevato dalla presidenza della commissione di maturità a Padova perché accusato di negazionismo, o c'è dell'altro? Il caso di Franco Damiani, docente veneto di Villafranca Padovana e “cattolico integrale” che all'inizio degli anni 2000 – riferisce “La Nuova Venezia” è stato al centro di polemiche, processi e interrogazioni parlamentari per le sue tesi negazioniste sull'Olocausto.

IL GIALLO DEL TRASFERIMENTO- Sì perché Damiani ha dei dubbi in proposito, che dice di esternare ai suoi docenti per incitarli a riflettere e ragionare con la loro testa. Il fatto è che per questi esami di Maturità 2013 era stato nominato presidente al Liceo Curiel dell'Arcella (PD), dove avrebbe dovuto presiedere la commissione – riferisce il foglio veneto – per le classi 5A e 5G. Il punto è che secondo il giornale Damiani sarebbe stato trasferito d'urgenza a Montebelluna, mentre egli si difende (anche con un intervento sulle pagine del giornale veneto), chiarendo di essere stato “"rimosso" dal "Curiel", ma per essere nominato... a Montebelluna (grande sagacia: non avendo patente non posso materialmente andarvi) e, (...), nella mattinata del 17 giugno, a esami già in corso, ho ricevuto una telefonata dall'uficio scolastico regionale che mi offriva la presidenza di una commissione al "Calvi" (istituto tecnico di Padova). Dunque a Montebelluna e al "Calvi" un "negazionista" può fare il presidente di comissione, al "Curiel" no? Eccovi un buon quiz per l'estate. Che io mi sto godendo in santa pace, giacché di solito negli anni dispari...non mi nominavano!”. Peraltro il prof ha rinunciato anche a Montebelluna perché si dovrebbe spostare in treno e non arriverebbe in tempo a scuola.

NEGAZIONISTA SI' O NO?- Il docente veneto è una vecchia conoscenza del Ministero della Pubblica Istruzione, e peraltro non è nuovo a polemiche del genere, come ricorda “La Nuova”. Nel 2000, quando insegnava all'istituto turistico Gritti di Mestre (VE), cinque deputati dell'Ulivo presentarono un'interrogazione parlamentare sulle sue affermazioni negazioniste: l'allora ministro Tullio De Mauro spedì un ispettore, parte degli studenti protestarono contro di lui, l'altra parte lo difese. Attenzione perché Damiani ci tiene alle sue idee: nel 2004 due genitori che secondo lui l'hanno diffamato e accusato di negare l'Olocausto, vengono querelati dal professore. Risultato: cinque anni di attività della magistratura italiana per assolvere i due e dare torto a Damiani, nel 2005 trasferito a Camposampiero. E quattro commissioni d'esame presiedute in otto anni. Il 13 giugno scorso, dice “La Nuova Venezia” (ma Damiani contesta il fatto, visto che a Padova il 13 giugno è festa del Santo patrono, Sant'Antonio, e gli uffici sono chiusi), Damiani riceve la lettera di trasferimento per aver: “inopportunamente manifestato riflessioni e valutazioni sulla metodologia didattica adottata dalla scuola”. Che avrebbe detto il prof sulla sua pagina Facebook? Questo: “È tutto sbagliato, siamo nel regno dell’illecito, della falsità, della menzogna propinata ai giovani”. Prende carta e penna e alza lavoce, scrivendo all'ufficio scolastico che lo ha trasferito: non si va a spiare il muro Facebook, dice in sostanza il prof, perché è uno spazio privato e uno nel proprio spazio privato fa e dice quello che vuole. E chiarisce: non ritratto nulla di quanto ha scritto. Motivo del contendere? Un laboratorio sui negazionismi a suo dire “fuori di ogni correttezza metodologica e contenutistica”.

(Segue: La difesa dei cattolici tradizionalisti: il professor Damiani è una persona intellettualmente onesta, vittima "della follia liberticida e del politicamente corretto". Il prof si difende: qui non si tratta di essere pro o contro l'Olocausto, ma è il metodo con cui si fa cultura sull'Olocausto ad essere sbagliato...)

Tags:
shoahdamianitriveneto
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.