A- A+
Cronache
Omicidio due fratelli a Caserta, svolta: “Uccisi per questioni di viabilità”
Ragazzi Uccisi

Omicidio di due fratelli a Caserta, la svolta della Procura: “Uccisi per questioni di viabilità”

I due fratelli Claudio e Marco Marrandino, 29 e 39 anni di Cesa (Caserta) sarebbero stati uccisi al culmine di una lite per motivi di viabilità e in presenza di una pattuglia dei carabinieri sul posto. È quanto scrive in una nota il procuratore di Napoli Nord, Maria Antonietta Troncone, che ha comunicato il fermo per omicidio di un operaio 53enne.

LEGGI ANCHE: Liliana Resinovich: la famiglia non accetta la morte per suicidio, ma la verità rimane inspiegabile

Come riporta il sito Today.it, il tutto è avvenuto sabato 15 giugno poco prima delle 14 nei pressi dell’uscita Succivo della Nola-Villa Literno, in territorio di Orta di Atella. Il 53enne sarebbe uscito improvvisamente dalla sua vettura e avrebbe fatto fuoco prima contro Claudio Marrandino, imprenditore edile che era seduto nel suv BMW bianco, poi avrebbe ucciso il fratello avvocato Marco Marrandino, ex presidente del consiglio comunale di Cesa, colpendolo alla schiena durante un tentativo di allontanarsi dal posto, prima di puntare la pistola contro i carabinieri. Durante la fuga, gli stessi carabinieri avrebbero esploso colpi di pistola contro l’assassino, che si è arrestato solo dopo un lungo inseguimento anche a piedi nelle campagne di Cancello e Arnone, prima di essere fermato in ospedale dove era giunto per un malore. Il 53enne, nel corso dell’interrogatorio, ha negato ogni addebito.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri in servizio, l’operaio subito dopo essere sceso dalla macchina ha rivolto numerosi altri colpi verso il conducente dell’altra auto, il quale era sceso dal mezzo cercando di scappare a piedi, colpendolo alla schiena. Dopodiché, ha puntato l’arma all’indirizzo del capo servizio della pattuglia, che si stava avvicinando alle due auto per intervenire, il quale ha esploso due colpi d’arma da fuoco, senza attingere l’autore del delitto. A quel punto, l’uomo è riuscito a mettersi a bordo della sua auto e darsi alla fuga a forte velocità.

È partito quindi un inseguimento per diversi chilometri, durante il quale il fuggitivo lanciava pezzi di vetro dal finestrino della sua auto, danneggiando il mezzo dei carabinieri. L’uomo è riuscito a far perdere le proprie tracce nelle campagne circostanti l’abitato del Comune di Cancello e Arnone ma poi è stato rintracciato presso una struttura sanitaria della zona. L’auto utilizzata per la fuga è stata successivamente ritrovata abbandonata in una zona. “Le indagini proseguono con l’esecuzione dei necessari accertamenti tecnici tuttora in corso. Non è ancora chiara l’identificazione della causale”, afferma in una nota il procuratore della Repubblica, Maria Antonietta Troncone. L’uomo è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.