A- A+
Cronache
Pensionato s'inventa una doppia identità, evade più di 600 mila euro

La Guardia di Finanza di Lugo ha scoperto una grossa evasione fiscale di un pensionato, amante dell’arte. L'uomo infatti ha sfruttato un secondo codice fiscale a lui intestato per svolgere un’attività commerciale (compravendita di opere d’arte) completamente in nero, senza mai presentare alcuna dichiarazione dei redditi. Il pensionato dichiarava regolarmente la propria pensione al fisco e su questa pagava le tasse e beneficiava di tutte le agevolazioni.

Come artista invece acquistava e vendeva statue, pitture e copie di quadri d’autore a conoscenti, amici o semplici clienti con un secondo codice fiscale erroneamente attribuito perché aveva fornito, in momenti diversi, dati differenti per il rilascio dei propri codici fiscali. Al termine dei controlli è emerso che il mediatore e venditore di opere d’arte aveva evaso oltre 600.000 euro di redditi non dichiarati ed Iva dovuta per un importo pari ad oltre 50.000 euro. Il secondo codice fiscale è stato segnalato per la sua cancellazione dalle banche dati.

Tags:
pensionatoevasione
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.