A- A+
Cronache
Piano straordinario di assunzioni: è migrazione da Sicilia e Campania


Schiaffo dei precari al Governo: ci sono almeno 2 mila posti in più rispetto alle domande, ma 15 mila docenti, più della metà campani e siculi, dovranno abbandonare affetti e trasferirsi nel Nord. Con valige anche pugliesi, lucani, romani, abruzzesi, toscani. Liberi nella sola fase C 4 mila posti tra Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia. Manca anagrafe regionale dei 18.476 posti residuali delle prime fasi. Assunzioni al buio senza pubblicità degli atti e per e-mail. Anief chiede nella legge di stabilità nuove regole su mobilità e incremento di 10 mila posti per l’organico potenziato nel Sud del Paese.

 

Marcello Pacifico (Anief-Confedir-Cisal): Se è vero che la Repubblica Italiana è fondata sul lavoro, non è giusto sfruttare per tanti anni i precari per poi deportarli dove si vuole. Il diritto al lavoro non può e non deve distruggere il diritto alla famiglia.

 

Da lunedì parte la lotteria per l’assegnazione dei posti: prende avvio la fase B per i 71.643 docenti precari che hanno presentato domanda e che riceveranno al buio i primi 18.476 posti residuali attraverso una mail cui dovranno rispondere per accettazione entro dieci giorni. Seguirà a novembre la fase C con altri 55.258 posti in palio, comunque ad anno scolastico iniziato, dopo le delibere che i Collegi docenti entro il 5 ottobre dovranno produrre  in merito agli organici richiesti per l’attuazione del piano triennale dell’offerta formativa, e i decreti degli Uffici Scolastici Regionali.

 

“È una vera e propria lotteria - dichiara Marcello Pacifico (Anief-Cisal-Confedir) - perché il Miur non ha pubblicato i posti suddivisi per regione e materia, residuali rispetto alle fasi precedenti (18.476 risultanti dai 47.476 disposti nelle fasi iniziali a dispetto dei 29 mila assegnati) né le graduatorie aggiornate degli albi territoriali con i punteggi incrociati dei candidati presenti in tutte le province, ma ha predisposto un algoritmo secretato che assegnerà i ruoli in barba ai principi costituzionali relativi alla pubblicità degli atti nell’accesso al pubblico impiego, alla gestione delle procedure concorsuali come quelle comparative date dallo scorrimento delle graduatorie. Non è una questione solo di trasparenza ma di regolarità dell’intera procedura di assegnazione degli incarichi a tempo indeterminato che porterà certamente il Miur in tribunale”.

 

E se fosse vero che almeno 10 mila domande sono irricevibili, i posti alla fine non assegnati potrebbero superare le 12 mila unità, anche se si potrebbero utilizzare i docenti dell’infanzia in organico potenziato nella primaria. Il Governo, comunque, sembra aver già perso la sua partita visto che attualmente più di 2 mila posti risultano scoperti rispetto allo stesso numero di domande. Assurdo se si pensa che, dopo un anno di propaganda, 40 mila precari aventi diritto hanno rinunciato a presentare la domanda, 7 mila precari abilitati ma fuori dalla Gae, esclusi, abbiano chiesto ai legali dell’Anief di ricorrere per partecipare al piano straordinario come ancora siano stati esclusi gli idonei dei precedenti concorsi. Altro che successo del Governo o mancato boicottaggio dei precari: è un vero e proprio schiaffo. I posti, tra quelli residuali e di potenziamento dell’offerta formativa, sono superiori al numero delle domande presentate dai precari e non perché non ci siano precari ma perché molti di loro si sono rifiutati di farsi ricattare, di farsi assumere in una regione non propria, forse su una materia non propria. Si aspettavano di essere premiati per i sacrifici fatti in questi anni e non di essere puniti con la prospettiva di una vita distrutta negli affetti familiari.

 

Dei 71.643 precari che hanno presentato domanda, uno su cinque, più di 14 mila, per lo più meridionali, dovrà fare le valige e trasferirsi al Nord, anche se dalla tabella elaborata dall’Anief risultano essere più di 20 mila ma mancano i dati relativi alla distribuzione dei posti residuali regionali della fase B.

 

“Se è vero che la Repubblica Italiana è fondata sul lavoro – continua Pacifico – non è giusto sfruttare per tanti anni i precari per poi deportarli dove si vuole. Il diritto al lavoro non può e non deve distruggere il diritto alla famiglia, perché senza di essa non c’è lo Stato. Ciò è evidente nella nostra Costituzione come nella Carta europea dei diritti dell’uomo. Così si sta realizzando un esodo mai pensato neanche ai tempi della leva obbligatoria. Stiamo parlando di posti potenziati e proprio perché il Sud è un’area economicamente depressa, ad alto tasso di abbandono scolastico e con un alto tasso di disoccupazione, con Comuni al collasso per i servizi essenziali, una viabilità disastrata, isole e comunità montane abbandonate a se stesse, tocca ora al Governo rivedere i parametri e assegnare 10 mila posti in più nelle regioni dove più necessitano. Soltanto così si comincia ad affrontare la questione meridionale. Nella prossima legge di stabilità – conclude il presidente Anief – devono pertanto essere riviste tutte le regole sulla mobilità del personale scolastico, a partire dall’assegnazione provvisoria annuale, e deve essere previsto un aumento dell’organico potenziato nelle aree a rischio del Paese, soprattutto per il bene delle nuove generazioni”.

 

 

TABELLA

 

Posti di potenziamento

+Sostegno

Fase C

 

 

 

 

Regioni

Primaria

Media

Secondaria

Totale

Sostegno

Totale

Fase B

B + C

Domande

 

Abruzzo

449

176

607

1.232

182

1.414

 

 

1.925

-511

Basilicata

264

109

394

767

50

817

 

 

1.207

-390

Calabria

664

268

967

1.899

193

2.092

 

 

4.314

-2.222

Campania

1.815

810

2.689

5.314

691

6.005

 

 

11.142

-5.137

Emilia Romagna

1.307

487

1.581

3.375

433

3.808

 

 

3.696

+112

Friuli

421

164

529

1.114

91

1.205

 

 

980

+225

Lazio

1.653

647

2.112

4.412

788

5.200

 

 

7.125

-1.925

Liguria

478

193

649

1.320

164

1.484

 

 

783

+701

Lombardia

2.852

1.065

3.091

7.008

1.023

8.031

 

 

6.630

+1.401

Marche

517

198

698

1.413

189

1.602

 

 

1.806

-204

Molise

188

76

271

535

34

569

 

 

711

-142

Piemonte

1.250

488

1.506

3.244

416

3.660

 

 

2.623

+1.037

Puglia

1.236

513

1.820

3.569

468

4.037

 

 

6.040

-2.003

Sardegna

530

215

769

1.514

162

1.676

 

 

1.747

-71

Sicilia

1.595

668

2.131

4.394

649

5.043

 

 

11.864

-6.824

Toscana

1.078

427

1.432

2.937

354

3.291

 

 

4.283

-992

Umbria

363

139

460

962

94

1.056

 

 

1.073

-17

Veneto

1.473

563

1.767

3.803

465

4.268

 

 

3.694

+574

Totale

18.133

7.206

23.473

48.812

6.446

55.258

18.476

73.734

71.643

+2.091

Tags:
scuolabuona scuolamigrazione
Loading...
Loading...

i più visti




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off

L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.