A- A+
Cronache
Poste Italiane, 16 dirigenti indagati per corruzione in appalti pubblici

Poste italiane, 16 dirigenti nel mirino della Guardia di Finanza e della Procura di Roma per corruzione 

Una maxi inchiesta della procura di Roma starebbe per travolgere Poste Italiane. Secondo quanto riporta Dagospia, che cita Repubblica, sarebbero 16 gli indagati tra alti dirigenti, funzionari e rappresentanti legali, di tre grandi aziende italiane, accusati di aver pilotato gare pubbliche a suon di mazzette. Un giro di corruzione scoperto dai magistrati per condizionare gli appalti e assegnarli agli amici.

L’indagine nascerebbe da una denuncia da parte del titolare di un’impresa, che si sarebbe accorto che qualche cosa non andava in alcuni appalti. La sua azienda, infatti, pur in regola veniva sistematicamente esclusa, e ogni modifica per cercare di vincere una gara si rivelava inutile. Dall’altro lato sempre le stesse aziende vincevano e ottenevano importanti commesse a sei zeri. All’inizio l’imprenditore avrebbe avuto solo dei sospetti, ma la sua intuizione non si sarebbe rivelata infondata: con il passare del tempo, l’uomo si sarebbe infatti accorto che uno dei suoi principali concorrenti aveva presentato delle fatture false per dei servizi collegati all’informatica che non aveva mai eseguito. Ebbene le fatture false avevano una chiara funzione, dovevano da un lato dimostrare che l’impresa era capace di erogare tutta una serie di prestazioni dall’altro che il volume d’affari dell’azienda le permetteva di poter concorrere a determinati appalti.

LEGGI ANCHE: Poste Italiane inaugura la fase operativa del progetto Polis

La prova scovata dall’imprenditore, costantemente escluso da Poste, non diceva nulla sul presunto giro di mazzette ma, sempre secondo quanto riporta Dagospia, a questa conclusione sarebbero arrivati i finanzieri del nucleo speciale spesa pubblica e il sostituto procuratore Giulia Guccione dopo le indagini.

I tre lunghi anni di indagine starebbero per concludersi con gli avvisi di garanzia ex art. 415 bis, la chiusura dell’inchiesta che è ormai alle porte. L’accusa dei pubblici ministeri di piazzale Clodio è netta: corruzione e turbativa d’asta, per decine di milioni di euro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
appalticorruzionedirigentimazzetteposte italiane
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove





motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.