Accolta richiesta di decreto ingiuntivo. Prima dell'estate le famiglie Matarrese e Andidero lo avevano presentato nei confronti dello Stato. Qualche settimana dopo è arrivato il verdetto: "Il tribunale di Roma accoglie l'istanza e ordina in via provvisoria il pagamento delle somme dovute".

La storia di Punta Perotti vede dunque un epilogo per quanto riguarda la parte economica dopo che a novembre è stato accreditato il bonifico che chiude il capitolo indennizzo. A inizio anno c'era stato l'anticipo di 7 milioni ottenuto (5 milioni ai Matarrese e due milioni tra le altre due famiglie di imprenditori), adesso è stata liquidata la parte che rimaneva: 37 milioni come previsto a titolo di ristoro (più restituzione dei suoli confiscati) dalla sentenza del 10 maggio 2012. Un totale di 49 milioni complessivi così suddivisi: 37 milioni alla ricorrente Sud Fondi, 9,5 milioni alla Mabar (famiglia Andidero) e 2,5 milioni alla Iema (la famiglia Quistelli non ha presentato l'istanza).

Sud Fondi aveva chiesto nel ricorso originario 274 milioni di euro, Mabar 62 milioni e Iema 14 milioni. Dopo la sentenza del Cedu lo Stato aveva fatto una proposta: restituzione dei suoli (valutati 52 milioni) più un assegno (da 8 milioni).

2013-12-04T15:44:30.68+01:002013-12-04T15:55:00+01:00truetrue1006116falsefalse4Cronache/cronache4131013810062013-12-04T15:44:30.837+01:0010062013-12-04T16:00:31.303+01:000/cronache/punta-perotti-matarrese-041213false2013-12-04T16:00:33.147+01:00310138it-IT102013-12-04T15:55:00"] }
A- A+
Cronache
punta perotti
 

Accolta richiesta di decreto ingiuntivo. Prima dell'estate le famiglie Matarrese e Andidero lo avevano presentato nei confronti dello Stato. Qualche settimana dopo è arrivato il verdetto: "Il tribunale di Roma accoglie l'istanza e ordina in via provvisoria il pagamento delle somme dovute".

La storia di Punta Perotti vede dunque un epilogo per quanto riguarda la parte economica dopo che a novembre è stato accreditato il bonifico che chiude il capitolo indennizzo. A inizio anno c'era stato l'anticipo di 7 milioni ottenuto (5 milioni ai Matarrese e due milioni tra le altre due famiglie di imprenditori), adesso è stata liquidata la parte che rimaneva: 37 milioni come previsto a titolo di ristoro (più restituzione dei suoli confiscati) dalla sentenza del 10 maggio 2012. Un totale di 49 milioni complessivi così suddivisi: 37 milioni alla ricorrente Sud Fondi, 9,5 milioni alla Mabar (famiglia Andidero) e 2,5 milioni alla Iema (la famiglia Quistelli non ha presentato l'istanza).

Sud Fondi aveva chiesto nel ricorso originario 274 milioni di euro, Mabar 62 milioni e Iema 14 milioni. Dopo la sentenza del Cedu lo Stato aveva fatto una proposta: restituzione dei suoli (valutati 52 milioni) più un assegno (da 8 milioni).

Tags:
punta perottimatarrese
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.