Accolta richiesta di decreto ingiuntivo. Prima dell'estate le famiglie Matarrese e Andidero lo avevano presentato nei confronti dello Stato. Qualche settimana dopo è arrivato il verdetto: "Il tribunale di Roma accoglie l'istanza e ordina in via provvisoria il pagamento delle somme dovute".

La storia di Punta Perotti vede dunque un epilogo per quanto riguarda la parte economica dopo che a novembre è stato accreditato il bonifico che chiude il capitolo indennizzo. A inizio anno c'era stato l'anticipo di 7 milioni ottenuto (5 milioni ai Matarrese e due milioni tra le altre due famiglie di imprenditori), adesso è stata liquidata la parte che rimaneva: 37 milioni come previsto a titolo di ristoro (più restituzione dei suoli confiscati) dalla sentenza del 10 maggio 2012. Un totale di 49 milioni complessivi così suddivisi: 37 milioni alla ricorrente Sud Fondi, 9,5 milioni alla Mabar (famiglia Andidero) e 2,5 milioni alla Iema (la famiglia Quistelli non ha presentato l'istanza).

Sud Fondi aveva chiesto nel ricorso originario 274 milioni di euro, Mabar 62 milioni e Iema 14 milioni. Dopo la sentenza del Cedu lo Stato aveva fatto una proposta: restituzione dei suoli (valutati 52 milioni) più un assegno (da 8 milioni).

2013-12-04T15:44:30.68+01:002013-12-04T15:55:00+01:00truetrue1006116falsefalse4Cronache/cronache4131013810062013-12-04T15:44:30.837+01:0010062013-12-04T16:00:31.303+01:000/cronache/punta-perotti-matarrese-041213false2013-12-04T16:00:33.147+01:00310138it-IT102013-12-04T15:55:00"] }
A- A+
Cronache
punta perotti
 

Accolta richiesta di decreto ingiuntivo. Prima dell'estate le famiglie Matarrese e Andidero lo avevano presentato nei confronti dello Stato. Qualche settimana dopo è arrivato il verdetto: "Il tribunale di Roma accoglie l'istanza e ordina in via provvisoria il pagamento delle somme dovute".

La storia di Punta Perotti vede dunque un epilogo per quanto riguarda la parte economica dopo che a novembre è stato accreditato il bonifico che chiude il capitolo indennizzo. A inizio anno c'era stato l'anticipo di 7 milioni ottenuto (5 milioni ai Matarrese e due milioni tra le altre due famiglie di imprenditori), adesso è stata liquidata la parte che rimaneva: 37 milioni come previsto a titolo di ristoro (più restituzione dei suoli confiscati) dalla sentenza del 10 maggio 2012. Un totale di 49 milioni complessivi così suddivisi: 37 milioni alla ricorrente Sud Fondi, 9,5 milioni alla Mabar (famiglia Andidero) e 2,5 milioni alla Iema (la famiglia Quistelli non ha presentato l'istanza).

Sud Fondi aveva chiesto nel ricorso originario 274 milioni di euro, Mabar 62 milioni e Iema 14 milioni. Dopo la sentenza del Cedu lo Stato aveva fatto una proposta: restituzione dei suoli (valutati 52 milioni) più un assegno (da 8 milioni).

Tags:
punta perottimatarrese
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.