A- A+
Cronache
Scavi clandestini e traffico di reperti archeologici: indagati in tutta Italia
Reperti Archeologici rubati

Scavi clandestini e traffico di reperti archeologici: 51 indagati in tutta Italia con "Canusium"

Ventuno provvedimenti restrittivi e decine di perquisizioni sono state eseguite in territorio nazionale nei confronti di persone appartenenti a un gruppo ritenuto responsabile di numerosi scavi clandestini, ricettazione e illecita commercializzazione, in ambito nazionale e internazionale, di importantissimi reperti archeologici, di valore storico culturale inestimabile e commerciale ingente.

Il blitz è stato effettuato dai carabinieri per la tutela del patrimonio culturale, in collaborazione con il Ros di Roma, con i militari dei comandi territorialmente competenti e con lo squadrone eliportato "Cacciatori Puglia". L'operazione, nella quale sono stati coinvolti più di 300 militari dell'arma, è scaturita dall'esito di una complessa e articolata indagine coordinata dalla procura della Repubblica di Trani e svolta dai carabinieri dell'Arte di Bari.

L'indagine, denominata "Canusium". è stata avviata nel 2022 a seguito dell'individuazione nell'agro di Canosa, mediante la componente aerea dell'Arma pugliese, di diversi scavi clandestini. Il sodalizio, con basi operative nella provincia di Bari con diramazioni in Campania, Lazio e il resto della Puglia, aveva avviato - è la ricostruzione degli inquirenti - un fiorente canale commerciale di monete archeologiche che, frutto di scavi clandestini eseguiti in Puglia e Campania, venivano poi cedute dai vari ricettatori ai diversi trafficanti internazionali, i quali provvedevano a immetterle sul mercato illecito globale, attraverso Case d'asta estere.

Nel corso delle investigazioni sono state recuperate e sequestrate diverse migliaia di reperti archeologici, tra ceramiche e monete archeologiche in oro, argento e bronzo, 60 tra metal detector e arnesi idonei allo scavo clandestino, nonchè documentazione contabile attestante le transazioni illecite in Italia e con l'estero. Le misure coercitive e le perquisizioni sono state eseguite in più comuni dell'Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio e Puglia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
archeologiciclandestinipugliarepertiscavi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete





motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.