A- A+
Cronache
Spagna: arrestati per aggressione sessuale i fratelli Pini, re della bresaola
Piero Pini

Spagna, i re della bresaola arrestati per aggressione sessuale: nei guai i fratelli Pini

Sono accusati di aggressione sessuale a danno di una dipendente e di altri presunti reati “contro i diritti dei lavoratori”: per questo i due fratelli italiani Piero e Mario Pini, titolari dell’omonima azienda internazionale di salumi, e proprietari in Spagna del più grande macello d’Europa, il Litera Meat, con sede a Binéfar, nel nord dell’Aragona, sono stati arrestati e condotti in carcere preventivo.

Come riporta Il Fatto Quotidiano, è la stampa spagnola a darne notizia: Piero e Mario Pini, rispettivamente 66 e 70 anni, da tempo residenti a Binéfar (Huesca), sono stati arrestati nella notte tra giovedì e venerdì, in seguito ad una denuncia presentata all’inizio di giugno da una donna che si è presentata alle forze dell’ordine come vittima di entrambi i reati che vengono contestati ai due fratelli imprenditori.

LEGGI ANCHE: Corruzione: arrestato Minenna, ex direttore dell'Agenzia delle Dogane

La presunta vittima lavora in una delle aziende di carne che il gruppo italiano possiede nell’area di Litera, dove nel 2019 è entrato in funzione il grande macello di suini della Litera Meat company, che impiega 1.600 persone. Le indagini della Guardia Civil successive alle denuncia hanno portato all’arresto dei due uomini, che sono comparsi davanti al giudice e poi trasferiti nel carcere spagnolo di Zuera.

“Fin dal primo momento i signori Pini hanno manifestato la piena collaborazione con le autorità spagnole al fine di chiarire i fatti. I signori Pini respingono con forza le accuse e hanno fornito diversi mezzi di prova che chiariranno l’irrealtà e l’incoerenza dei fatti denunciati. Hanno piena fiducia che si faccia rapidamente chiarezza sul caso”, questo il commento dei legali spagnoli del gruppo all’indomani dell’arresto.

Piero Pini, il più grande dei due fratelli, è già noto alle forze dell’ordine: nel 2019 era stato accusato di una frode fiscale milionaria ed era stato messo agli arresti in Ungheria, dove l’azienda possedeva uno stabilimento. Il gruppo valtellinese Pini Group, leader nella produzione della bresaola, ha di recente acquisito il marchio Ferrarini di Reggio Emilia attraverso la Pini Holding srl.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aggressionebresaolapinisessualespagnavaltellina
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...

Sport

Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...


in vetrina
McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA

McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA





motori
BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.