A- A+
Cronache
Strage di Buonvicino: uccise lei e tutta la famiglia. "Il raptus? Non esiste"

"Il raptus non esiste. Ogni tragedia è annunciata". La strage familiare più grande d'Italia

“Alessandra fu affidata allo zio di Brescia, io ai miei parenti qui in Calabria, li chiamo mamma e papà, ma a scuola c’era chi mi ricordava che i miei genitori erano morti assassinati”. In famiglia, invece, un silenzio assordante. “Se chiedevo, mi rispondevano. Ma arriva il momento in cui smetti di fare domande”.

A parlare è Marco Benvenuto, uno dei due superstiti che all'epoca aveva 3 anni. Oggi ha 28 anni, vive nella città natale, ha studiato graphic e visual designer, e coltiva la passione da tatuatore. 

E’ il 19 novembre 1996 quando l’ex carabiniere Alfredo Valente spara alla moglie Genny Salemme, ‘rea’ di volere il divorzio, ai genitori 'suoi complici', alla sorella di lei con il marito, e alla nipotina di 11 anni. 6 bare, 2 caricatori da 15, 23 colpi sparati dalla pistola d’ordinanza, 14 ore di terrore. Condannato a 30 anni, Valente esce dal carcere dopo 25 grazie alla buona condotta e all’indulto, e si trasferisce a vivere a Diamante, a pochi metri dalla casa della famiglia. La strage di Buonvicino, piccolo borgo in provincia di Cosenza, per la prima volta dopo 25 anni riemerge dal silenzio che la custodiva nel crogiolo di una sorta di tradizione orale della piccola comunità. A raccontarla è "Sangue del mio Sangue”, da poco uscito in libreria, opera a quattro mani della giornalista Fabrizia Arcuri, parente della famiglia, e del criminologo Sergio Caruso, che ne ha parlato ad affaritaliani.it, mettendo in luce quelle problematiche che, nonostante un contributo più forte sul piano culturale, minano alla base l'operato di strutture indispensabili come anche i centri antiviolenza. Caruso spiega che ci sono dei segnali d’allarme da sapere per predire e scongiurare l’avverarsi di tragedie simili, come il più recente caso di Bolzano. Il libro si fa interprete della casistica del fenomeno del family mass murderer, dice, rivendicando anche la voce spesso tralasciata o dimenticata delle cosiddette vittime secondarie. E lo fa con la testimonianza diretta di Marco, che ha anche realizzato la copertina.

Perché ha scelto questa vicenda e come è nata l’idea di scriverla a quattro mani con Arcuri?

Faccio il criminologo in tutta Italia, ma sono calabrese. Mentre mi occupavo di un altro caso ho scoperto che la più grande strage della famiglia era avvenuta a Buonvicino, un paese a pochi paesi dal mio. Da lì la voglia e il desiderio di approfondire. Poi per via di un femminicidio in zona, conobbi questa giornalista che si occupava di nera, la Arcuri, e la invitai a un convegno. Quando finì mi chiese come si classificasse esattamente chi anziché uccidere la moglie uccide tutta la famiglia. E mi raccontò che il tema le stava molto a cuore in quanto parente della famiglia sterminata da Alfredo Valente a Buonvicino

Commenti
    Tags:
    strage di buonvicinostrage familiarela più grande strage familiare d'italiastrage familiare calabriabuonvicinocriminologo sergio carusofabrizia arcurisangue del mio sangue libro
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Torna il Signore degli anelli Stavolta sarà una serie su Amazon

    Spettacoli

    Torna il Signore degli anelli
    Stavolta sarà una serie su Amazon

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, ancora maltempo sull'Italia: in arrivo piogge, freddo e temporali

    Meteo, ancora maltempo sull'Italia: in arrivo piogge, freddo e temporali





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mercedes EQB, il suv elettrico in formato famiglia

    Nuova Mercedes EQB, il suv elettrico in formato famiglia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.