A- A+
Cronache
Violenza donne, centri e case rifugio 'lasciati soli': erogati il 10% di fondi

Violenza donne, la denuncia di ActionAid 

I centri antiviolenza e le case rifugio durante la pandemia sono gli unici spazi che hanno continuato a funzionare del sistema antiviolenza, ma i dati sulle risorse e l’attuazione del Piano antiviolenza 2017-2020 evidenziano che solo il 10% dei fondi 2019, nonostante l'emergenza Covid, sono arrivati ai centri. E' quanto denuncia ActionAid con il rapporto 'Tra retorica e realtà. Dati e proposte sul sistema antiviolenza in Italia', che monitora i fondi statali previsti dalla legge sul femminicidio insieme all’attuazione del Piano antiviolenza 2017-2020.

Durante il primo lockdown, quando dopo un iniziale crollo il numero delle chiamate di aiuto al 1522, tra marzo e giugno 2020 è più che raddoppiato rispetto al 2019 con 15.280 richieste (+119,6%), in Lombardia, osserva ActionAid, "c’è stata una forte riduzione dello staff nei centri antiviolenza causata dal dimezzamento del numero di volontarie – generalmente di età medio-alta e quindi a rischio contagio – e dalla malattia o messa in quarantena di operatrici. In aggiunta, i centri sono stati costretti a turni di lavoro estenuanti, come nel caso della provincia di Cremona, che ha esteso la propria reperibilità h24 con risorse umane ridotte del 50%. 

Questo a fronte di ritardi e della mancanza di procedure standard delle istituzioni: dalla scarsità di mascherine e guanti (distribuiti solo in pochissimi casi dalle istituzioni locali come a Brescia) all’impossibilità di accedere ai tamponi, fino alla mancanza di spazi adeguati per isolamenti fiduciari".

ActionAid: "Necessario istituire un fondo di emergenza con risorse aggiuntive"

Nonostante la circolare inviata a marzo 2020 dal ministero dell’Interno alle prefetture per rendere disponibili alloggi alternativi, i centri, ad eccezione di quelli di Pavia, "sono stati costretti a ricorrere a bed&breakfast o appartamenti messi a disposizione da conoscenti e privati", sottolinea ActionAid.  

“Non è tollerabile che le istituzioni si presentino impreparate a fronteggiare un nuovo lockdown. L’epidemia ci ha dato lezioni che non dobbiamo dimenticare, prima tra tutte il ruolo essenziale dei Cav (centri antiviolenza, ndr) e delle case rifugio nel sostegno territoriale alle donne, che hanno dimostrato una grande capacità di adattamento nel reinventare un modello di intervento rapido che funziona solo con supporti adeguati. È necessario uscire dalla logica emergenziale per creare un sistema forte e duraturo, che funzioni bene in tempi ordinari e molto bene in tempi straordinari. Sarebbe inaccettabile sprecare tempo prezioso. Con la seconda ondata pandemica e con i nuovi lockdown territoriali, i Cav corrono il rischio di arrivare al limite delle proprie capacità di sopravvivenza e di resilienza. Oggi è necessario istituire un fondo di emergenza con risorse aggiuntive e prontamente disponibili e cabine di regia locali che garantiscano efficacia e coordinamento per le reti territoriali, senza si rischia di negare alle donne una concreta via d’uscita alla violenza” spiega Elisa Visconti, responsabile dei programmi di ActionAid. 

A distanza di 6 mesi dall’incasso delle risorse, solo 5 Regioni hanno erogato i fondi

Al 15 ottobre scorso, riferisce ActionAid, le risorse ripartite dal Dipartimento Pari opportunità per il biennio 2015-2016 sono state liquidate dalle Regioni per il 72%, il 67% per quelle del 2017. A distanza di 15 mesi del trasferimento da parte del Dipartimento, le Regioni hanno liquidato solo il 39% delle risorse 2018, ovvero circa 7,6 mln di euro a fronte dei 19,6 stanziati. Per l’annualità 2019, il Dipartimento ha ripartito tra le Regioni 30 mln di euro, di cui 20 mln da destinare al funzionamento ordinario di case rifugio e centri antiviolenza e 10 mln per il Piano antiviolenza.

"In tempi Covid, per rispondere ai nuovi bisogni delle strutture di accoglienza, la ministra per le Pari opportunità il 2 aprile 2020 - ricorda ancora ActionAid - ha firmato un decreto di procedura accelerata per il trasferimento delle risorse per il 2019 prevedendo la possibilità di usare i fondi destinati al Piano antiviolenza per coprire le spese dell’emergenza sanitaria. Nonostante l’urgenza, a distanza di 6 mesi dall’incasso delle risorse, solo 5 Regioni hanno erogato i fondi: Abruzzo, Friuli Venezia-Giulia, Lombardia, Molise e Veneto. Nel dettaglio le risorse liquidate per l’annualità 2019 sono pari all’10%. Ad oggi nessun decreto è stato emanato dal Dipartimento per i fondi antiviolenza 2020". 

Quanto al Piano Antiviolenza, Actionaid parla di "occasione mancata: siamo alla vigilia dell’elaborazione del nuovo Piano nazionale, ma l’analisi della attuazione del Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne, adottato nel 2017 e reso operativo con un piano approvato due anni dopo (18 luglio 2019), rivela la sua incompletezza e il mancato rispetto della promessa trasparenza dei processi e delle decisioni. Le risorse effettivamente impegnate - conclude - sono insufficienti per coprire le azioni programmate, ma soprattutto finora risultano impossibili da verificare e monitorare se realmente spese". 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    actionaidactionaid violenza donneviolenza domesticacentri antiviolenzacase rifugioviolenza donneviolenza donne italiaviolenza donne covid
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.