A- A+
Culture

di Lucilla  Noviello

Come una dea, come un eroe greco, come un poeta, il personaggio di Cuore Cavo, romanzo scritto da Viola Di Grado, Edizioni E/O, è un Giglio per purezza e intenti, soprattutto perché ha deciso di morire. E chi sceglie di non essere in questa nostra strana e inquieta Storia contemporanea, merita una particolare forma di rispetto, privo di giudizi, sospeso. Già creatura poca adatta alla vita, Dorotea lascia l’esistenza terrena ma della vita diviene paradossalmente narratrice e parte intrinseca, viscera indistruttibile, molecola di un tutto che vorrebbe essere il nulla, ma respira dentro chi è restato e prosegue un’esistenza neppure malata o banale, ma così lineare che descriverla diventa un’impresa in cui neppure la letteratura e la fantasia hanno gioco facile. Però la protagonista continua a scrivere perché la sua esistenza è data dal volere della scrittura stessa: continua a comunicare; come se da una parte non riuscisse a lasciare la sua appartenenza, il suo nome che ha senso perché appartenente all’universo dei significati. E tale significato, nelle pagine di Viola Di Grado – così come in tanta, tantissima letteratura contemporanea straniera occidentale – è data, ancora, dalla scrittura stessa. Non ci sono sperimentazioni linguistiche all’interno di questo romanzo; l’italiano è a volte complesso per terminologia e concetti, ma è costruito con sicurezza. E’ l’argomento – la morte e il senso di un’attesa infinita, dilatata e assurda – ruota continuamente intorno a se stesso, in maniera spesso ridondante. Sembra non esserci niente da fare, né per i vivi né per i morti. Si può ascoltare e scrivere – potere della letteratura – ma sono le storie che non esistono più. C’è un destino dal quale distaccarsi appare quasi impossibile: e la morte non è altro che una tappa; e neppure l’ultima. Perciò anche il suicidio, atto tra gli  atti, è privato della sua tragicità, è un  momento in cui prende l’avvio il disfacimento fisico del corpo. Il mondo non può essere percepito perché i sensi non ci sono più. Ma resta il gioco letterario: l’assurdo che, se diventa enunciato, diventa reale.

Viola Di Grado, Cuore cavo, Edizioni E/O.  Pagg. 166. Euro 16,00

Tags:
"cuore cavo"e/oviola di grado
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.