A- A+
Culture
David Donatello: 8 statuette per "Anime nere". Germano miglior attore

"Anime nere" di Francesco Munzi e' il vincitore del David nella categoria miglior film. La pellicola ha ottenuto altre otto statuette (miglior regista, canzone originale, produttore, fonico di presa diretta, fotografia, montatore, sceneggiatura e musicista).

In dettaglio, tutti i premi dell'edizione del David di Donatello 2015

MIGLIOR FILM:  Anime nere di Francesco Munzi

MIGLIORE REGISTA: Francesco Munzi per Anime nere 

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE: Edoardo Falcone per Se Dio vuole

MIGLIORE SCENEGGIATURA: Anime nere di Francesco Munzi, Fabrizio
Ruggirello, Maurizio Braucci

MIGLIORE PRODUTTORE:  Cinemaundici e Babe Films, con Rai Cinema
per Anime nere 

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA:  Margherita Buy per Mia madre

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA: Elio Germano per Il giovane
favoloso

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA:Giulia Lazzarini per Mia madre

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA: Carlo Buccirosso per Noi e la
Giulia

MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA:Vladan Radovic per Anime nere 

MIGLIORE MUSICISTA: Giuliano Taviani
per Anime nere 

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE:  Anime nere interpretata da Massimo
De Lorenzo, musica e testi di Giuliano Taviani

MIGLIORE SCENOGRAFO: Giancarlo Muselli per Il giovane favoloso

MIGLIORE COSTUMISTA: Ursula Patzak per Il giovane favoloso

MIGLIORE TRUCCATORE: Maurizio Silvi per Il giovane favoloso

MIGLIORE ACCONCIATORE: Aldo Signoretti, Alberta Giuliani per Il
giovane favoloso

MIGLIORE MONTATORE:Cristiano Travaglioli per Anime nere 

MIGLIOR FONICO DI PRESA DIRETTA:Stefano Campus per Anime nere 

MIGLIORI EFFETTI DIGITALI: Visualogie per Il ragazzo invisibile

MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO: Belluscone. Una storia
siciliana di Franco Maresco

MIGLIOR FILM DELL?UNIONE EUROPEA: La teoria del tutto di James
Marsh (Universal Pictures)

MIGLIOR FILM STRANIERO:  Birdman di Alejandro GONZÁLES IÑÁRRITU
 (20th Century Fox)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: Thriller di Giuseppe Marco Albano

DAVID GIOVANI: Noi e la Giulia di Edoardo Leo

"Vince Francesco Munzi, soprattutto: ha fatto il film che voleva fare, e dentro c'e' tutta la sua bravura e la sua sensibilita' artistica. Ma accanto a lui vince la Rubbettino, e Florindo Rubbettino, che ha sostenuto il progetto di un libro, prima, e di un film dopo. E poi, libro e film vanno oltre, superano la loro natura artistica per diventare fatto sociale, facendo vincere quella Calabria considerata senza speranza: la Calabria delle rughe della Locride, dei balzi d'Aspromonte. Vincono gli Africoti, i locridei che hanno dato il meglio di loro stessi perche' Munzi realizzasse la sua opera". Cosi' Gioacchino Craco, autore del romanzo "Anime nere", da cui e' stato realizzato l'omonimo film che ha vinto il David di Donatello.

 "Vincono gli ultimi - aggiunge Criaco - che hanno dato l'anima, davanti e intorno la camera da presa, per dimostrare che il male non e' un fatto genetico, ma un prodotto sociale e basta avere opportunita' e il destino muta. E perde la Calabria dei vinti, di quelli che tanto non si puo' far nulla. Quella del rancore, della mediocrita'. Quella dei migliori siamo noi e gli altri sono feccia. Perde un'autoproclamata intellighenzia da sagra paesana. Una politica che non ha visione e non ha entusiasmo. Perde la Calabria che si sente migliore ed e' la peggiore e non ha visto che il film aveva vinto a Venezia, nei festival internazionali, fra i calabresi normali; e vincera' ancora. Perche' non e' solo un film, ma un piccolo grande sogno, dei calabresi ultimi che vogliono diventare i primi".

E' una doppia soddisfazione per lo scrittore di Africo, nel Reggino: un riconoscimento per un romanzo tanto amato dai lettori quanto avversato da certa intellighenzia meridionale e un momento di riscatto per quei tanti giovani calabresi e locridei per i quali la storia stessa di Criaco e' un segno di speranza in un futuro migliore. La storia di Criaco si lega infatti a doppio filo con la storia del successo del suo romanzo prima e del film poi. Un film partito quasi in sordina, realizzato con pochi mezzi per poi arrivare a conquistare il pubblico del festival del cinema di Venezia (tredici minuti di applausi) e via via delle kermesse cinematografiche di tutto il mondo, da Londra a New York, da Oslo a Taipei fino al traguardo di questa sera. Una storia cosi' bella da essere raccontata anch'essa in un libro curato da Goffredo Fofi e Luigi Franco che Rubbettino annuncia in libreria per il prossimo autunno. Si intitolera' "Anime Nere: dal libro al film" Il libro oltre a ripercorrere le tappe che hanno portato alla trasposizione filmica del romanzo attraverso le parole dello scrittore e del regista, offre la lucida analisi di Goffredo Fofi; le testimonianze fotografiche di Francesca Casciarri; le voci dei tanti protagonisti registrate da Maria Teresa D'Agostino; la sceneggiatura originale del film; due racconti sull'Aspromonte e Africo di Umberto Zanotti Bianco.

Tags:
donatellogermanoanime nere
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.