A- A+
Culture
Il Leone d'oro? Senza distributore. Il Festival di Venezia è ormai da serie B

"Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza". Sarà il titolo, ma il film svedese che ha trionfato a Venezia appena concluso non ha trovato un distributore italiano. E a che cosa serve un festival se poi le sue opere non le vede nessuno? Senza contare l'effetto Toronto, che sta rubando i migliori al Lido. Altro che Cannes, la Mostra in Laguna sta diventando da serie B...

"E' un po' come per le poesie, i libri che le contengono si stampano, ma quelli che li leggono sono pochi. E l'editoria è un'industria, proprio come il cinema". Lo ha affermato proprio qualche giorno fa Paolo Baratta, il presidente della Biennale di Venezia, che presiede la Mostra Cinematografica più prestigiosa d'Italia. Il discorso di Baratta è vero e comprensibile, ma è altrettanto vero che l'obiettivo di un festival cinematografico sta proprio nel riuscire a dare un canale distributivo a opere che altrimenti resterebbero nascoste. Un Festival con la F maiuscola riesce a valorizzare il talento e l'arte, anche quelli nascosti.

Peccato che invece tutte le opere andate per la maggiore sul Lido faranno fatica a trovare la luce del proiettore. Già, perché la maggior parte dei titoli che hanno ricevuto un premio da parte della giuria non hanno ancora riscontrato l'interesse di un distributore. E' il caso, per esempio, del vincitore, il film dello svedese Roy Andersson, "Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza", che non ha ancora trovato il varco giusto per uscire nelle nostre sale.

Stessa sorte per il vicecampione, vale a dire "Le notti bianche del postino" del regista russo Andrej Konchalovskij. A bocca asciutta anche Tales dell’iraniana Rakhshan Banietemad, premiato per la sceneggiatura, così come tanti altri film presentati nel concorso ufficiale. Fatti salvi gli italiani, ha ovviamente trovato immediato spazio anche quel Birdman di Inarritu tanto acclamato dalla critica quanto trascurato dalla giuria lagunare.

La sensazione, purtroppo, è che l'attenzione verso Venezia stia lentamente quanto inesorabilmente scemando. A incidere su questo declino interviene certamente il sempre più crescente peso del festival di Toronto, che si tiene in Canada proprio a cavallo della kermesse veneziana. Una volta i film da Serie A approdavano tutti in Laguna, ora spesso e volentieri prendono il largo.

Tags:
leone d'orovenezia
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.