Si segnala inoltre la pubblicazione del volume Album di compleanno. 1813-2013. La Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, che ricostruisce e ripercorre passato e presente della storica istituzione coreutica.

Edito da Tita e curato da Francesca Pedroni, il libro è disponibile presso lo Shop del Teatro alla Scala e le librerie Feltrinelli.

Dal 14 al 22 dicembre la Scuola di Ballo dell’Accademia del Teatro alla Scala torna al Teatro Strehler (Milano, L.go Greppi 1) con un classico intramontabile nella storia del balletto, Lo Schiaccianoci, nell’allestimento del Teatro alla Scala con coreografia di Frédéric Olivieri da Lev Ivanov, sulle celeberrime note di Pëtr Il'ič Čajkovskij.  

Gli allievi caratterizzeranno i personaggi che popolano il libretto, ispirato ad una versione di Alexandre Dumas del noto racconto di Ernst Hoffmann “Schiaccianoci e il re dei topi”. Il “padre della danza russa” Ivanov realizzò la coreografia seguendo fedelmente le note di Marius Petipa, che chiamò il maestro a terminare il lavoro per i Balletti Imperiali di San Pietroburgo a causa delle sue gravi condizioni di salute. Il risultato è una delicata favola piena di magia, dove le cupe vicende tratteggiate da Hoffmann si avvertono appena e scolorano nel sogno.

Il balletto fu in seguito oggetto di numerose rivisitazioni, fra le quali si ricordano quella di George Balanchine del 1954 per il New York City Ballet e quella di Rudolf Nureyev del 1967 per il Teatro Reale di Stoccolma, che riprende i toni dell’atmosfera originale di Hoffmann.

L’allestimento in scena allo Strehler, nato nel 2000 al Teatro alla Scala per la firma di Roberta Guidi di Bagno, è stato riportato a nuovo vigore e vivacità da un gruppo di ex allievi del Corso per scenografi realizzatori e del Corso per sarti dello spettacolo, sapientemente seguiti dalla scenografa e costumista romana.

Lo spettacolo, che rappresenta solo uno dei molteplici impegni cui sono chiamati i giovani ballerini dell’Accademia, chiude il 2013 e le celebrazioni per il Bicentenario della Scuola di Ballo, culminate lo scorso 28 settembre in un importante Galà, che ha visto i ragazzi sul palcoscenico del Teatro alla Scala, accompagnati dall’Orchestra dell’Accademia diretta da David Coleman. Il Galà si è chiuso con un emozionante defilé di étoile che hanno scritto pagine memorabili nella storia dell’arte coreutica: Liliana Cosi, Oriella Dorella, Roberto Fascilla, Carla Fracci e Luciana Savignano.

In novembre gli allievi hanno reso omaggio ai colleghi russi, prendendo parte alla serata celebrativa dei 240 anni della Scuola del Bolshoi di Mosca, organizzata al Palazzo del Cremlino. Nello stesso mese la Scuola di Ballo, dopo quattro anni, è tornata al Festival Manca di Nizza.

Il 2014 si apre con un nuovo spettacolo al Teatro alla Scala (3 febbraio). Seguirà il consueto spettacolo istituzionale al Teatro Strehler – in scena dal 7 all’11 maggio – quindi il diploma e ancora la partecipazione al Festival di Ravello (4 luglio).

 

 

2013-12-11T14:47:40.697+01:002013-12-13T08:47:00+01:00truetrue1026116falsefalse88Culture/culturaspettacoli4131105411862013-12-11T14:47:40.76+01:0010262013-12-13T09:00:33.417+01:000/culturaspettacoli/milano-al-teatro-strehler-torna-lo-schiaccianocifalse2013-12-13T08:59:21.43+01:00311054it-IT102013-12-13T08:47:00"] }
A- A+
Culture
Schiaccianoci, foto di Ales Schiaccianoci, foto di Alessia Santambrogio
 

 

Si segnala inoltre la pubblicazione del volume Album di compleanno. 1813-2013. La Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, che ricostruisce e ripercorre passato e presente della storica istituzione coreutica.

Edito da Tita e curato da Francesca Pedroni, il libro è disponibile presso lo Shop del Teatro alla Scala e le librerie Feltrinelli.

Dal 14 al 22 dicembre la Scuola di Ballo dell’Accademia del Teatro alla Scala torna al Teatro Strehler (Milano, L.go Greppi 1) con un classico intramontabile nella storia del balletto, Lo Schiaccianoci, nell’allestimento del Teatro alla Scala con coreografia di Frédéric Olivieri da Lev Ivanov, sulle celeberrime note di Pëtr Il'ič Čajkovskij.  

Gli allievi caratterizzeranno i personaggi che popolano il libretto, ispirato ad una versione di Alexandre Dumas del noto racconto di Ernst Hoffmann “Schiaccianoci e il re dei topi”. Il “padre della danza russa” Ivanov realizzò la coreografia seguendo fedelmente le note di Marius Petipa, che chiamò il maestro a terminare il lavoro per i Balletti Imperiali di San Pietroburgo a causa delle sue gravi condizioni di salute. Il risultato è una delicata favola piena di magia, dove le cupe vicende tratteggiate da Hoffmann si avvertono appena e scolorano nel sogno.

Il balletto fu in seguito oggetto di numerose rivisitazioni, fra le quali si ricordano quella di George Balanchine del 1954 per il New York City Ballet e quella di Rudolf Nureyev del 1967 per il Teatro Reale di Stoccolma, che riprende i toni dell’atmosfera originale di Hoffmann.

L’allestimento in scena allo Strehler, nato nel 2000 al Teatro alla Scala per la firma di Roberta Guidi di Bagno, è stato riportato a nuovo vigore e vivacità da un gruppo di ex allievi del Corso per scenografi realizzatori e del Corso per sarti dello spettacolo, sapientemente seguiti dalla scenografa e costumista romana.

Lo spettacolo, che rappresenta solo uno dei molteplici impegni cui sono chiamati i giovani ballerini dell’Accademia, chiude il 2013 e le celebrazioni per il Bicentenario della Scuola di Ballo, culminate lo scorso 28 settembre in un importante Galà, che ha visto i ragazzi sul palcoscenico del Teatro alla Scala, accompagnati dall’Orchestra dell’Accademia diretta da David Coleman. Il Galà si è chiuso con un emozionante defilé di étoile che hanno scritto pagine memorabili nella storia dell’arte coreutica: Liliana Cosi, Oriella Dorella, Roberto Fascilla, Carla Fracci e Luciana Savignano.

In novembre gli allievi hanno reso omaggio ai colleghi russi, prendendo parte alla serata celebrativa dei 240 anni della Scuola del Bolshoi di Mosca, organizzata al Palazzo del Cremlino. Nello stesso mese la Scuola di Ballo, dopo quattro anni, è tornata al Festival Manca di Nizza.

Il 2014 si apre con un nuovo spettacolo al Teatro alla Scala (3 febbraio). Seguirà il consueto spettacolo istituzionale al Teatro Strehler – in scena dal 7 all’11 maggio – quindi il diploma e ancora la partecipazione al Festival di Ravello (4 luglio).

 

 

Tags:
"lo schiaccianoci"teatro strehlerscala
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici

LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici


casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.