A- A+
Economia

Il 6 maggio la Corte costituzionale tedesca, con sede a Karlsruhe, aveva emesso una sentenza, definita da molti storica, in cui si metteva in dubbio la correttezza dell'operato della Banca centrale europea in merito al Quantitative easing (Qe), ovvero l'acquisto di titoli di Stato per aiutare i paesi Ue in difficoltà finanziarie.

Ora, scrive MF-Milano Finanza, la risposta della cancelliera Angela Merkel a Karlsruhe, tramite il Bundestag, è arrivata pochi giorni fa. A sorpresa, il parlamento tedesco (Bundestag) ha votato a stragrande maggioranza una mozione trasversale che non solo approva l'operato della Bce, ma le dà addirittura carta bianca sul Qe. Mozione presentata dai tre partiti di governo (Cdu, Csu e Spd), a cui si sono aggiunti i Verdi e i liberali della Fdp. Contrari soltanto i deputati di Alternative fur Deutschland (Afd), partito sovranista di destra.

Ecco il passaggio chiave della mozione: "Sulla base della decisione del Consiglio direttivo della Bce e dei documenti ricevuti dalla Banca centrale europea, il Bundestag conclude che i requisiti della sentenza della Corte costituzionale del 5 maggio 2020 in merito alla valutazione della proporzionalità del programma PSPP sono soddisfatti".

Loading...
Commenti
    Tags:
    bcegermaniasentenzaqe
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021

    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.