A- A+
Economia
Dal 2008 al 2018 l'Italia ha perso oltre 2 miliardi di ore lavorate

"Sebbene tra il 2008 e 2018 l'occupazione sia aumentata di 125.000 unita', con una variazione positiva dello 0,5%, nello stesso periodo si sono perse oltre 2 miliardi di ore lavorate che, calcolate per ciascun occupato, portano il volume annuo medio in capo ad ogni lavoratore dalle 1.806 ore del 2008 alle 1.722 del 2018 (-4,6%)".

E' quanto emerge da uno studio dei Consulenti del Lavoro, secondo cui "la decrescita generalizzata e' destinata ad impattare sugli importi degli assegni pensionistici futuri degli italiani, sempre piu' calcolati su quanti contributi previdenziali realmente versati". Ma secondo i Consulenti del Lavoro, tale scenario, fra le altre cose, "deve fare i conti con il calo demografico destinato, anche questo, ad impattare sugli equilibri pensionistici di medio periodo. Secondo l'Ocse, infatti, entro il 2050 in Italia il numero dei pensionati potrebbe superare quello dei lavoratori". 

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, con il documento "Verso la riforma previdenziale. Alcuni elementi di riflessione", evidenzia le principali criticita' del mercato del lavoro italiano e le azioni da mettere in campo per sostenere la crescita, indispensabile anche per la sostenibilita' del sistema previdenziale.

Particolarmente allarmante "risulta il divario tra tendenze nazionali e internazionali per quanto attiene il lavoro giovanile dove l'Italia presenta un livello di occupazione dimezzato rispetto a quello dei giovani europei, dove la media di occupati sul totale della popolazione giovanile e' del 35,3%. A pesare poi e' la strutturale presenza di lavoro irregolare che 'sottrae' annualmente alla platea dei contribuenti il 15,5% dei lavoratori (dato al 2017). Un danno duplice: per il sistema, che potrebbe migliorare performance in termini di sostenibilita', e per gli stessi lavoratori, il cui futuro risulta piu' a rischio di quello del sistema previdenziale.

Nel corso del decennio preso in esame, la stagnazione economica che ha caratterizzato l'Italia, dove il Pil non e' ancora riuscito a recuperare i livelli precrisi, ha condizionato anche la dinamica della produttivita' e della disponibilita' di reddito. E' evidente che questi aspetti gia' stanno avendo un impatto estremamente rilevante sui lavoratori-contribuenti di oggi, la cui pensione sara' calcolata in misura preponderante o esclusiva (a partire dal 2036) con il sistema contributivo, ponendo un forte interrogativo sull'adeguatezza del futuro assegno pensionistico che saranno in grado di garantirsi con i loro 'accantonamenti'".

"E' quanto mai necessario, soprattutto fra le nuove generazioni, sensibilizzare i lavoratori italiani ad una adeguata gestione del Tfr e, piu' in generale, all'investimento in previdenza complementare per garantirsi un reddito adeguato nella vecchiaia" ribadisce la Presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone. "Si tratta - continua - di una sfida in piu' per un sistema che dovra' nei prossimi anni necessariamente attivare tutta quella rete di infrastrutture e di servizi - banche dati, formazione, accompagnamento al lavoro, consulenza - necessaria a supportare l'occupabilita' dei lavoratori lungo tutto l'arco della vita attiva e a coprire, con apposita e nuova strumentazione, i rischi derivanti dalle interruzioni dei percorsi lavorativi che saranno, presumibilmente, molto piu' frequenti e diffusi".

Loading...
Commenti
    Tags:
    pensioni
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    'Ci vogliono i c..' per governare La frase da noi è stata fraintesa

    Coronavirus vissuto con ironia

    'Ci vogliono i c..' per governare
    La frase da noi è stata fraintesa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Il mitico Nurburgring è la culla dei modelli sportivi Audi

    Il mitico Nurburgring è la culla dei modelli sportivi Audi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.