A- A+
Economia
Europeo, manna per il brand Italia da un punto di Pil. La Borsa farà +3%
Draghi Mncini
Lapresse


Mentre, dall’altra parte, il Pil italiano riportò un aumento di oltre il 2% (4,1% a valori correnti) a seguito del trionfo di Cannavaro e compagni in Germania nel 2006: oltre un punto in più rispetto al 2005. Così, se è vero che come palcoscenico mediatico l’Europeo forse non equivale a un Mondiale, è altrettanto indubbio che nel frattempo il mondo sta cambiando: il pianeta è sempre più interconnesso, la comunicazione digitale favorisce una circolazione immediata e capillare delle narrazioni sui grandi eventi sportivi e l’e-commerce conosce un livello di diffusione, anche grazie alla pandemia, che era impensabile appena dieci o persino cinque anni fa.

Insomma, il grande torneo giocato dagli azzurri non potrà che rafforzare l’identità del brand Italia, con un effetto-vittoria che si trascinerebbe per qualche anno. Facendo i conti in termini assoluti, una spinta sul Pil ipotetica tra lo 0,7 e lo 0,8% potrebbe significare per il nostro Paese una crescita tra i 12 e i 14 miliardi in più. Coldiretti ci crede: “Non c'è dubbio che la vittoria in Inghilterra è comunque una importante chance sui mercati esteri dove si forma una importante parte del Pil nazionale. Non va dimenticato anche l'impatto positivo sui flussi turistici stranieri con gli arrivi estivi a luglio e agosto già stimati in aumento del 32% rispetto all'anno scorso, anche se su valori di molto inferiori all'anno prima della pandemia”. 

Coldiretti torna poi proprio al Mondiale del 2006: “Il numero di disoccupati è diminuito del 10%” e “nel 2007 si è anche verificato un incremento delle vendite nazionali all'estero del 10% spinto dal successo di immagine dell'Italia che ha avuto un effetto traino anche sui prodotti Made in Italy. Va registrato peraltro un aumento di 2,36 milioni di stranieri che sono venuti in Italia in vacanza nell'anno successivo alla memorabile vittoria, che significa in termini percentuali un +3,5%”.

Eppure, gli effetti dell’impresa degli azzurri potrebbero vedersi anche sui mercati finanziari. Goldman Sachs ha calcolato che nel luglio del 1982 e in quello del 2006 Piazza Affari ha garantito corposi ritorni del 3% mese su mese. Insomma, l’augurio è che la banda Mancini ci aiuti ad accelerare l’uscita dal tunnel economico in cui siamo entrati un anno e mezzo fa per colpa della pandemia.

Commenti
    Tags:
    nazionale italiana calciopil italiacrescita italianamario draghiroberto mancinigigi donnarummaindustria italianatasse italia




    
    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete


    motori
    L'Alfa Romeo 33 Stradale debutta al Goodwood Festival of Speed

    L'Alfa Romeo 33 Stradale debutta al Goodwood Festival of Speed

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.