"Bisogna dire una parola forte e certa, di affermare che l'elusione e l'evasione fiscale non sono compatibili con la nostra economia e con nessun sistema veramente democratico". Così il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, parla di quella cifra "stimata dalla Corte Conti in circa 130 miliardi" (ma probabilmente è una cifra sottodimensionata e infatti per altre fonti è anche superiore) che viene sottratta ogni anno al Fisco. Una situazione che, secondo il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, richiede "risposte coordinate a livello internazionale".

Anche per Befera, d'altra parte, "nonostante l'impegno ed i grandi assi in avanti fatti negli ultimi anni c'è ancora molta strada da fare". Gli interventi di Befera e Saccomanni (che ha inviato il suo saluto) sono arrivati in occasione del convegno "La legalità fiscale italiana, asimmetrie e convergenze con l'Europa" tenuto all'Agenzia delle Entrate. "In un'economia globalizzata - ha osservato Saccomanni - un'azione efficace di contrasto all'evasione fiscale internazionale non può limitarsi a misure domestiche unilaterali: si rendono necessarie anche risposte coordinate a livello internazionale".

Anche perché "l'evasione Fiscale ha effetti distorsivi sull'allocazione delle risorse e interferisce con il corretto funzionamento della concorrenza nel mercato". D'altra parte, rendere più efficiente l'azione amministrativa di accertamento dei tributi deve essere fatto "al tempo stesso evitando di trasformare il sistema fiscale in un ostacolo per la crescita dell'economia nazionale", aggiunge Saccomanni chiedendo la tutela delle "imprese sane". Il ministro ha spiegato che l'evasione fiscale "possiede una significativa dimensione internazionale: l'ampia diffusione di strumenti che consentono l'agevole trasferimento crossborder di attività finanziarie, attraverso sistemi finanziari informatizzati, rende l'utilizzo del canale estero ai fini dell'evasione un'opzione percorribile da una platea di contribuenti più ampia rispetto al passato".

Saccomanni ha ricordato che l'Italia, insieme a Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, "ha avviato nell'aprile scorso, con la collaborazione dell'Ocse, un progetto pilota per lo scambio automatico di informazioni fiscali basato su un modello di accordo che gli stessi Paesi hanno elaborato con gli Stati Uniti per l'implementazione del Foreign Account Tax Compliance Act (Fatca) e per migliorare la compliance fiscale internazionale. L'Unione europea ha fatto propria questa impostazione - ha concluso il ministro - e sta svolgendo un ruolo di primaria importanza nel promuovere un sistema globale per lo scambio automatico di informazioni". Per Saccomanni il rimedio a questa situazione passa anche dal potenziamento della tracciabilità dei pagamenti e incentivare l'uso della moneta elettronica: "Sono tra gli elementi che potrebbero contribuire alla lotta all'evasione fiscale".

2013-12-10T11:09:51.867+01:002013-12-10T11:09:00+01:00truetrue1066116falsefalse3Economia/economia4131085710662013-12-10T11:09:51.927+01:0010662013-12-10T19:05:01.647+01:000/economia/evasione-befera-saccomanni10122013false2013-12-10T11:25:55.13+01:00310857it-IT102013-12-10T11:09:00"] }
A- A+
Economia
attilio befera
 

"Bisogna dire una parola forte e certa, di affermare che l'elusione e l'evasione fiscale non sono compatibili con la nostra economia e con nessun sistema veramente democratico". Così il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, parla di quella cifra "stimata dalla Corte Conti in circa 130 miliardi" (ma probabilmente è una cifra sottodimensionata e infatti per altre fonti è anche superiore) che viene sottratta ogni anno al Fisco. Una situazione che, secondo il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, richiede "risposte coordinate a livello internazionale".

Anche per Befera, d'altra parte, "nonostante l'impegno ed i grandi assi in avanti fatti negli ultimi anni c'è ancora molta strada da fare". Gli interventi di Befera e Saccomanni (che ha inviato il suo saluto) sono arrivati in occasione del convegno "La legalità fiscale italiana, asimmetrie e convergenze con l'Europa" tenuto all'Agenzia delle Entrate. "In un'economia globalizzata - ha osservato Saccomanni - un'azione efficace di contrasto all'evasione fiscale internazionale non può limitarsi a misure domestiche unilaterali: si rendono necessarie anche risposte coordinate a livello internazionale".

Anche perché "l'evasione Fiscale ha effetti distorsivi sull'allocazione delle risorse e interferisce con il corretto funzionamento della concorrenza nel mercato". D'altra parte, rendere più efficiente l'azione amministrativa di accertamento dei tributi deve essere fatto "al tempo stesso evitando di trasformare il sistema fiscale in un ostacolo per la crescita dell'economia nazionale", aggiunge Saccomanni chiedendo la tutela delle "imprese sane". Il ministro ha spiegato che l'evasione fiscale "possiede una significativa dimensione internazionale: l'ampia diffusione di strumenti che consentono l'agevole trasferimento crossborder di attività finanziarie, attraverso sistemi finanziari informatizzati, rende l'utilizzo del canale estero ai fini dell'evasione un'opzione percorribile da una platea di contribuenti più ampia rispetto al passato".

Saccomanni ha ricordato che l'Italia, insieme a Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, "ha avviato nell'aprile scorso, con la collaborazione dell'Ocse, un progetto pilota per lo scambio automatico di informazioni fiscali basato su un modello di accordo che gli stessi Paesi hanno elaborato con gli Stati Uniti per l'implementazione del Foreign Account Tax Compliance Act (Fatca) e per migliorare la compliance fiscale internazionale. L'Unione europea ha fatto propria questa impostazione - ha concluso il ministro - e sta svolgendo un ruolo di primaria importanza nel promuovere un sistema globale per lo scambio automatico di informazioni". Per Saccomanni il rimedio a questa situazione passa anche dal potenziamento della tracciabilità dei pagamenti e incentivare l'uso della moneta elettronica: "Sono tra gli elementi che potrebbero contribuire alla lotta all'evasione fiscale".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
evasione
i più visti
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.