A- A+
Economia
Fmi, nuova fase Covid: "In Italia Pmi a rischio default"

Fmi, nuova fase Covid: "In Italia Pmi a rischio default"

La pandemia di coronavirus è entrata in una nuova fase: Covid-19 continua a diffondersi, anche se a velocità diverse nei vari Paesi. In questo quadro, le piccole imprese restano l'anello più debole, "visto che spesso non hanno accesso ai finanziamenti e non possono facilmente ottenere prestiti per mantenere l'attività" con il rischio di fallimento e default che resta "molto alto". È l'allarme lanciato dal Fondo monetario internazionale nella nota di sorveglianza messa a punto per il G20 dei ministri delle Finanze e dei governatori delle banche centrali in programma sabato prossimo, che evidenzia come l'Italia potrebbe essere il Paese più colpito su questo fronte.

In Italia forte calo della domanda ed elevata quota di produzione nelle industrie ad alta intensità di contatto

"La nostra analisi su un campione di 17 Paesi - si legge nel dossier - suggerisce che i fallimenti delle Pmi potrebbero triplicare da una media del 4 per cento prima della pandemia al 12 per cento nel 2020 senza un adeguato sostegno politico". E ancora: "L'aumento maggiore si verificherebbe in Italia, a causa al forte calo della domanda aggregata e dell'elevata quota di produzione nelle industrie ad alta intensità di contatto. I settori dei servizi sono i più colpiti, con i tassi medi di fallimento nel Paese che aumentano di oltre 20 punti percentuali nei servizi amministrativi, nell'arte, nell'intrattenimento e tempo libero e nell'istruzione, mentre le attività essenziali, come l'agricoltura, l'acqua e i rifiuti, registrano solo piccoli aumenti nei tassi di fallimento". Secondo l'istituto di Washington, l'istituto di Washington, poi, oltre un terzo delle piccole imprese in Canada, Corea, Regno Unito e Stati Uniti è preoccupato della propria redditività o prevede di chiudere definitivamente entro il prossimo anno. "I diffusi fallimenti - è la riflessione degli esperti del Fondo - potrebbero pesare sulla ripresa economica, a causa degli ingenti costi di riallocazione del lavoro e del capitale, e causare instabilità finanziaria. La domanda chiave è quindi: 'Come dovrebbero rispondere i politici?'".

Le parole del direttore generale della Fmi Georgieva

Gli stimoli all'economia per far fronte all'impatto economico del coronavirus vanno "mantenuti per il tempo necessario e, in alcuni casi, ampliati". Lo sostiene il direttore generale del Fmi, Kristalina Georgieva, secondo cui gli aiuti hanno causato un "sostanziale aumento dei livelli di debito". Tutto ciò rappresenta "una seria preoccupazione. A questo punto della crisi, in ogni caso, i costi di un ritiro prematuro" degli aiti "sarebbero maggiori che la loro continuazione". 

Loading...
Commenti
    Tags:
    fmicoronavirus italiapmi italiafmi italia
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Tania Cagnotto di nuovo incinta, niente Tokyo e carriera finita

    Sport

    Tania Cagnotto di nuovo incinta, niente Tokyo e carriera finita


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault: look rinnovato e versione ibrida per la nuova Mégane

    Renault: look rinnovato e versione ibrida per la nuova Mégane

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.