A- A+
Economia
Intesa, primo accordo con sindacati per integrazione dei dipendenti Ubi

Accordo tra i sindacati del credito e Intesa Sanpaolo per l'integrazione dei circa 15mila dipendenti di Ubi Banca. L'Intesa e' stata firmata nella notte e definisce i trattamenti economici e normativi di riferimento per gli 80mila lavoratori del nuovo gruppo Intesa Sanpaolo. La trattativa, sottolinea una nota della Fabi, 'continuera' per tutto l'anno sulle parti previdenziali e assistenziali per i lavoratori ex Ubi e, per tutti, sul rinnovo del contratto aziendale in scadenza il prossimo 31 dicembre'.

E' stato anche definito il premio di risultato per il 2021, pari a 110 milioni complessivi. Sara' poi costituita 'una nuova commissione sulla lotta alle pressioni commerciali: importante strumento che determinera' un significativo cambio di rotta rispetto ai comportamenti difformi ai principi etici sull'attivita' di vendita di prodotti finanziari'. 'Bene il primo capitolo dell'armonizzazione dei trattamenti, si sono mantenuti tutti i trattamenti in essere e valorizzate le migliori esperienze dei due gruppi nell'esclusivo interesse dei lavoratori, siamo fiduciosi nel prosieguo del confronto', ha commentato il segretario nazionale Fabi e coordinatore in Intesa Sanpaolo, Giuseppe Milazzo.

Soddisfazione per il risultato conseguito e' stata espressa anche dai segretari nazionali della Uilca Mariangela Verga e Giuseppe Bilanzuoli. L'accordo, hanno spiegato, 'rappresenta un importante punto di equilibrio, offre elementi di garanzia, tutela e valorizzazione per tutto il personale coinvolto e traccia un percorso positivo per il rinnovo della contrattazione integrativa valida per tutto il gruppo'. 'Si tratta di un accordo di percorso - hanno aggiunto da First Cisl i segretari nazionali Domenico Iodice e Mauro Incletolli - perche' accompagnera' nelle varie tappe dell'integrazione, lungo il 2021, tutte le persone del nuovo gruppo Intesa Sanpaolo.

Questa - hanno proseguito - e' la piu' rilevante operazione di transizione culturale e organizzativa recentemente realizzata nel panorama bancario italiano. Come sindacato abbiamo inteso governarla, introducendo regole che mettono in sicurezza diritti individuali, occupazione e professionalita'.

La certezza delle tutele conseguite rafforza l'identita' comune e la fiducia, anche in vista dell'atteso piano industriale'. 'Lo stakeholder-lavoro rimane il collante indispensabile a garantire successo e continuita' a questa operazione', hanno concluso, sottolineando che 'non ha senso nutrire rimpianti per un'esperienza che non muore, ma confluisce in un nuovo solido gruppo bancario europeo. Piu' che le insegne, sono le persone il vero elemento distintivo che garantira' a Intesa Sanpaolo di svolgere la sua cruciale funzione sociale'.

 

Commenti
    Tags:
    intesa dipendenti ubiaccordo sindacati intesa-ubi
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Il WWF lancia l'allarme leoni Popolazione crollata del 90%

    Green

    Il WWF lancia l'allarme leoni
    Popolazione crollata del 90%


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Defender porta in giro per l’Italia una casa mobile da vivere su Airbnb

    Defender porta in giro per l’Italia una casa mobile da vivere su Airbnb

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.