A- A+
Economia
Rimborso pensioni 2015, in arrivo i pagamenti

Arrivano i rimborsi delle pensioni la cui rivalutazione era stata bloccata dal governo Monti. Domani, infatti, i pensionati che si son visti dar ragione dalla sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato il mancato adeguamento scattato nel 2012, si vedranno riconoscere un parziale risarcimento. I pensionati che ricevono un assegno tra 3 e sei volte il minimo si troveranno una una tantum che oscilla, secondo i calcoli della Uil, tra un pò più di 400 e poco meno di un migliaio di euro, cifre che restano comunque molto distanti da quanto dovuto se si fosse scelto di restituire per intero le somme.

Alla fine di giugno era arrivata la circolare dell'Inps che ufficializzava la messa in pagamento dei rimborsi, prevista appunto per il 1° agosto. Nella simulazione dell'Istituto, si tratta di una tantum da quasi 800 euro per un pensionato che ha un assegno da 1.500 euro (lordi) al mese e, dal prossimo anno, una maggiorazione di quasi 42 euro al mese. Il recupero dei denari congelati è esteso agli eredi dei pensionati interessati, che devono presentare una domanda apposita: spettano, dice l'Inps, anche alle pensioni "che al momento della lavorazione risulteranno eliminate. Il pagamento delle spettanze agli aventi titolo sarà effettuato a domanda nei limiti della prescrizione".

Il decreto del Governo Renzi, come noto, ha optato per una restituzione solo parziale (e a scalare con il crescere degli assegni), per non aprire un buco nei conti pubblici. Ma le polemiche sul punto sono tante. Il Governo, dice ad esempio la Uil, così non ha attuato la sentenza dell'Alta Corte e "il rimborso che arriverà ad agosto nelle tasche dei pensionati italiani è solo una minima parte del dovuto". Il sindacato calcola infatti tra il 10,82% ed il 32,27% la percentuale di rimborsi che arriverà, seconda dell'ammontare delle pensioni. Anche l'Ufficio parlamentare di bilancio aveva messo in evidenza questo aspetto, sottolineando che in generale la restituzione è pari al 12% circa del maltolto.

Per la Uil, gli assegni che riceveranno la percentuale più alta di rimborso sono quelli che stanno tra 1.500 e 1.800 euro al mese, che il primo agosto avranno un 'bonus' tra i 796 e i 955 euro (rispettivamente 796,25 e 955,50, 849,34 a chi arriva a 1.600 euro). Ben diversa la cifra del "maltolto" se il rimborso fosse stato pieno, tra 2.467 e oltre 2.960 euro. E va peggio ai pensionati più 'ricchi' che si vedranno corrispondere appena il 10,82% del rimborso (471 euro per chi ha un assegno da 2.800 contro i 4.360 dovuti).

Le riduzioni previste per l'indicizzazione per il biennio 2012-2013, ha sottolineato la Uil nel suo studio, fanno sì che l'adeguamento sarà "irrisorio e fortemente penalizzato" rispetto a quanto sarebbe spettato ai pensionati con una piena indicizzazione e una piena applicazione degli effetti su 2014 e 2015. A partire da agosto 2015, si spiega, un trattamento da 1.800 euro lorde nel 2011 dovrebbe avere - con la sola applicazione delle riduzioni introdotte dal Governo Letta ed un pieno recupero dell'indicizzazione per il 2012-2013 - 92 euro lorde mensili in più di adesso (1.823 euro lorde), mentre da agosto l'adeguamento previsto dal decreto porterà il trattamento a 1.832,32 euro. Un misero aumento di 8,33 euro lordi mensili (circa il 9% del recupero pieno). Anche da gennaio, denuncia infine il sindacato, con il successivo adeguamento si prenderà un quarto di quanto spetterebbe con un pieno recupero del 2012 e del 2013 ed applicando solo le riduzioni introdotte dal governo Letta.
--------------

Tags:
pensioniconsultarimborsi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.