A- A+
Economia
Recovery Fund, Spagna e Portogallo rinunciano ai prestiti: no a 80 miliardi

Recovery Fund, Spagna e Portogallo rinunciano ai prestiti: no a 80 miliardi

Spagna e Portogallo hanno deciso di dire no ai prestiti del Recovery Fund, si tratta di circa 80 miliardi. La quasi totalità sarebbe spettata agli spagnoli, secondi per entità di risorse, alle spalle solo dell'Italia. Sanchez rifiuta 70 miliardi. Stessa decisione anche per i lusitani, a cui ne sarebbero spettati 10. A differenza dell’Italia, - si legge sulla Stampa - i governi di Madrid e Lisbona hanno deciso di non inserire la richiesta di finanziamenti europei a tasso zero nei loro piani nazionali spediti a Bruxelles. La ragione principale è molto semplice: vogliono tenere sotto controllo il loro debito.

Non conviene (i tassi dei due Paesi sono piuttosto bassi) e al momento non ci sono problemi di liquidità, hanno più volte spiegato i due leader. I due governi iberici non ritengono conveniente chiedere i fondi del Recovery più o meno per gli stessi motivi per cui non intendono chiedere i prestiti del Mes: si tratta di soldi che devono essere restituiti, dunque che fanno aumentare il debito, e che si portano dietro una qualche forma di condizionalità.

Commenti
    Tags:
    recovery fundspagnaportogalloprestiti ueitalia recovery fund
    S
    i più visti
    in evidenza
    Covid vissuto con ironia

    Guarda la gallery

    Covid vissuto con ironia


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.