A- A+
Economia

Il commissario europeo Gunther Oettinger (inizialmente incaricato di seguire il settore energia, è poi passato all’economia e società digitali approdando infine al bilancio e risorse umane) è unanimamente considerato un “falco” che non le manda a dire, a costo di fare gaffes a ripetizione. Cosa che gli riesce particolarmente bene con l’Italia. Nel 2003 la definì un paese “intrinsecamente ingovernabile” al pari di Bulgaria e Romania, nel 2011 suggerì di esporre le bandiere dei paesi sotto proceduta per deficit eccessivo (come l’Italia) a mezzasta davanti alla sede delle istituzioni europee, lo scorso anno provò a suggerire: “I mercati insegneranno agli italiani come votare”, ma il risultato non deve essere stato quello che aveva in mente. 

LP 9793024
 

Così ora prova a suggerire: “L’Italia non dovrebbe essere un rischio per l’Europa” ed è necessario “convincere gli italiani a definire un bilancio di cui possano assumersi la responsabilità, senza mettere gli altri paesi europei nella posizione di rischio”. Anche a costo di aprire una nuova procedura di infrazione contro l’Italia come la Commissione Ue suggerirà all’Ecofin del 9 luglio prossimo. Ma come potrebbe l’Italia arrivare a definire un bilancio “virtuoso”? Prendendo ad esempio, suggerisce Oettinger, la ricetta greca, che ha consentito al paese, dopo otto anni di recessione, di tornare a crescere da un paio d’anni.

vertice tsipras merkel.ape
 

Ipotesi che il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha subito respinto notando come l’economia italiana non sia “comparabile con quella della Grecia”. La differenza tra le due economie, aggiunge Tria, “non si può misurare sullo spread. Sono misure importanti ma riguardano da un lato il terzo paese europeo e dall’altro un paese più piccolo che sta risolvendo i suoi problemi. Forse si poteva fare risparmiare molte cose alla gente della Grecia”. “Il caso greco - ricorda Tria - ha creato grossi problemi all’Europa e al sistema europeo” e non sembra dunque il caso di provare a vedere che effetto farebbe applicare la stessa ricetta su scala molto più ampia. Ma in cosa è consistita esattamente la “ricetta greca” e cosa potrebbe significare nel caso italiano? 

oettinger

Gunther Oettinger

In estrema sintesi nell’erogazione, in otto anni, di circa 310 miliardi di euro (di cui ad oggi poco più di 46 miliardi sono stati rimborsati) in cambio di una successione di piani di austerità che fecero crollare il Pil da 317 miliardi nel 2008 a 194,4 miliardi dieci anni dopo, con un debito/Pil volato in parallelo dal 126,7% al 181,1% (in Italia, va ricordato, è attualmente paril al 132,2%) nonostante ripetuti avanzi primari e un deficit/pil nominale sotto il 3% (come è finora anche per l’Italia, anche se la Commissione Ue teme che la soglia possa essere superata l’anno venturo).

Tutto ebbe inizio nel 2009 quano, complice la crisi economico/finanziaria mondiale, il debito/Pil della Grecia salì sopra il 126% e il deficit/Pil andò fuori controllo: dichiarato inizialmente pari al 3,7%, si scoprì essere in realtà arrivato al 15,4%.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    gunther oettingerdeficit/pildebito pubblicogiovanni triagrecia bailoutprocedura d'infrazione italia
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    La Gioconda senza parrucchiere Taglio di capelli... fai da te

    Coronavirus vissuto con ironia

    La Gioconda senza parrucchiere
    Taglio di capelli... fai da te


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan dice no al tablet sul cruscotto e punta sull’onda

    Nissan dice no al tablet sul cruscotto e punta sull’onda

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.