A- A+
Spettacoli
Ascolti Tv Auditel: Perchè Il Nome della Rosa sta facendo flop?

Gli ascolti Tv e i dati Auditel non perdonano Il Nome della Rosa, che ieri, lunedì 18 marzo 2019, sono crollati a 3.894.000 spettatori pari al 16.7% di share. Crollati, perché, nella prima puntata, la fiction tratta dal romanzo di Umberto Eco, diretta da Giacomo Battiato e interpretata da John Turturro e Rupert Everett aveva invece portato a casa 6 milioni 501mila spettatori con il 27,38% di share.

Ciò significa che, nel giro di tre puntate soltanto, la serie ha perduto quasi la metà degli spettatori e ben 11 punti di share. All'esordio, malgrado gli stravolgimenti rispetto all'opera originale di Eco, avevamo concesso il beneficio del dubbio alla fiction (clicca qui per leggere) in attesa degli ascolti delle puntate successive. Ma ora è arrivato il momento per stilare un bilancio a conti fatti.

1) La fiction delude e disorienta chi conosce e ha letto il romanzo. Con l'accessoria introduzione di tutta la tediosa storyline di Fra' Dolcino (Alessio Boni) per allungare il brodo, e di figure femminili soltanto accennate da Eco, si finisce per distogliere l'attenzione dallo scenario fosco, claustrofobico e lugubre dell'Abbazia, dal quale il libro non si discosta mai, e che rappresenta la cifra dell'opera dello scrittore. Non parliamo poi delle ruffiane strizzate d'occhio a Game of Thrones e a Once Upon a Time (o - ancor peggio - alle ultimissime saghe di Fantaghirò quando ormai raschiava il fondo del barile), che finiscono per irritare i fan più ortodossi del capolavoro echiano, allontanandoli fatalmente. 

2) Quattro puntate sono troppe e troppo pesanti. Per coloro che non hanno letto il romanzo e per un pubblico più semplice, trovarsi catapultati per quattro prime serate in uno scenario medievale con dialoghi a sfondo filosofico e teologico è decisamente esagerato. Di puntate ne sarebbero bastate e avanzate due, con il beneficio dei costi ridotti e, per giunta, di una maggiore aderenza all'originale senza dover ricorrere ad artifici narrativi per dilatare la sinossi.

3) John Turturro nella versione italiana non funziona. Ci si domanda come sia possibile che, per doppiare l'autorevole e dotto Guglielmo da Baskerville, si sia ricorsi a una voce così "giovanile" che stona con il volto di Turturro e soprattutto stride con l'autorità e il prestigio del vegliardo francescano. Dispiace effettuare il confronto con il film di Jean Jacques Annaud, e tuttavia non soltanto quest'ultimo scelse nei panni di Guglielmo Sean Connery, ma l'attore scozzese era doppiato dalla voce meravigliosa dell'indimenticato Pino Locchi, sulla quale non occorre aggiungere altro.

4) Attori fuori parte e non adeguati al ruolo. Sempre nel film di Annaud, erano di grande impatto le interazioni tra Connery e F. Murray Abraham nei panni di Bernardo Gui, tanto da non far minimamente rimpiangere i personaggi descritti da Eco. Qui lasciano invece a desiderare quelle tra Turturro e Rupert Everett, scarsamente a suo agio nel ruolo dell'Inquisitore, e in generale fra i vari caratteri. Anche lo stesso Adso (Damian Hardung), che pare uscito da un teen drama alla Dawson's Creek o - peggio - da una pubblicità di Calvin Klein, è scarsamente credibile quale novizio francescano dibattuto tra la Fede e l'amore per le grazie femminili. Fra lui e Turturro, per giunta, viene iconograficamente meno quel paterno rapporto fra mentore e discepolo che invece è uno dei punti di forza del romanzo (nonché del film con Connery e il giovanissimo Christian Slater). 

Tirando le somme, la versione televisiva de Il Nome della Rosa appare come un'opera senz'altro meritoria, ma alquanto pretenziosa e, ribadiamo, troppo poco adatta per il pubblico di Rai1, che senz'altro apprezza i prodotti di pregio culturale ma nel momento in cui essi vengono presentati in una veste non noiosa, non proterva, non prolissa. Tra lungaggini, arbitrarie licenze, attori poco convinti e ancor meno convincenti, l'omicidio più efferato che viene compiuto nella fiction è quello dell'interesse dello spettatore. E anziché le istanze del Papa o le rivendicazioni dell'Imperatore, o la verità sulla menzogna, a trionfare in ultima analisi è soltanto la noia. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ascolti tvauditellunedì 18 marzo 2019il nome della rosaflopumberto eco
in evidenza
Ognissanti, caldo quasi estivo Alta pressione da Nord a Sud

L'inverno è lontano

Ognissanti, caldo quasi estivo
Alta pressione da Nord a Sud

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.