A- A+
Spettacoli
Mia Martini, la sorella: "L'idea del film fu mia. Incontrai Barbareschi e lui non mi ha chiamato per la sceneggiatura"

«L'idea di fare un film su mia sorella, Mia Martini, è stata mia. Tre o quattro anni fa ho incontrato Luca Barbareschi, che ora ha prodotto il film “Io Sono Mia”, e gli ho consegnato un progetto per fare qualcosa su Mimì. Tant'è vero che avevo già scritto tutta la storia dei Bertè e avevo depositato alla Siae il fascicolo. Eppure, nonostante questo, non sono stata interpellata per la sceneggiatura, a differenza delle mie sorelle Loredana e Olivia». Leda Bertè, la sorella maggiore di Mia Martini e Loredana Bertè, non ci sta e al settimanale Spy, nel numero in edicola venerdì 18 gennaio, esprime tutto il suo dissenso sul film dedicato alla cantante che a febbraio sarà trasmesso su Rai 1 dopo l'anteprima cinematografica. «Sono convinta che questo film non rispecchi la verità sulla vita della mia famiglia e di Mimì. Loredana e Olivia, le più piccole, non possono sapere tante cose della nostra famiglia. E poi ho intravisto la ragazza che la interpreta, Serena Rossi. Sarà pure brava a cantare, ma non ha niente a che vedere con Mia Martini, ovviamente. Fanno un film su Mimì e fanno cantare le sue canzoni a un'altra? Almeno come sottofondo potevano lasciare le voci originali».

Il film, comunque, sarà un'occasione per chiedere scusa all'interprete di canzoni come “Piccolo Uomo” e “Almeno tu nell'universo”, per anni vittima di voci ingiuriose che sostenevano che portasse iella. «Mi auguro che qualcuno cominci a chiederle scusa. A partire da alcuni stro... che lavorano ancora ad altissimi livelli in tv. Racconto solo un episodio. Mia venne a trovarmi a Roma, dove lavoravo: una volta fuori, incontrammo un famosissimo regista e un conduttore di primo livello. Quando videro Mimì, da lontano, cominciarono a toccarsi le parti basse. Hanno distrutto la vita di una donna che non ha fatto del male a nessuno. Forse era solo troppo grande e troppo brava, per questo le hanno fatto passare di tutto e di più».

Il film sarà presentato sul palco del Festival di Sanremo, anche se Leda Bertè ha qualcosa da recriminare al conduttore e direttore artistico Claudio Baglioni. «Durante l'ultimo Sanremo non ha neanche consegnato il premio Mia Martini sul palco, l'ha fatto passare sotto silenzio: queste cose non si fanno. Quel premio è stato istituito proprio per dare risalto alla memoria di Mimì e chi conduce il Festival ha il dovere di parlarne».

Commenti
    Tags:
    sorella mia martinifilm mia martiniio sono mialeda bertè
    in evidenza
    "Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

    Elettra Lamborghini ad Affari

    "Rido con Zalone, amo gli horror
    Only Fun? Sarà sorprendente..."

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Duster protagonista del my Dacia road 2022

    Duster protagonista del my Dacia road 2022


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.