A- A+
Spettacoli
Taylor Swift, video di Wildest Dreams accusato di razzismo

Taylor Swift finisce al centro delle polemiche per il nuovo singolo estratto da 1989, Wildest Dreams. La discussione nasce sul video, girato in Etiopia, in cui la cantante con i capelli scuri, appare sul set di un immaginario film accanto al collega Scott Eastwood. Nella clip ci sono diversi animali è è stato chiarito che i profitti ottenuti dal cortometraggio andranno alla African Parks Foundation of America.

Eppure sono nate lo stesso polemiche. Intanto perché il cast è per larga maggioranza bianco (poche comparse di colore) e poi è nata una una polemica per la rappresentazione ritenuta di "fantasia" dell'Africa coloniale.

Taylor Swift era già stata oggetto di discussioni nella clip di Shake It Off, in cui strisciava attraverso le gambe di ballerine nere. Era stata accusat di "perpetuare stereotipi sui neri".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
taylor swiftwildest dreamsrazzismo
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa

Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.