A- A+
Esteri

Siria: 105 missili americani, inglesi e francesi su 3 precisi obiettivi di produzioni di materiale chimico hanno confermato principalmente tre aspetti dei nuovi scenari di guerra.

Siria e armi chimiche. Tre considerazioni dello scenario

Il primo è la potenziale incapacità delle Nazioni Unite di trovare soluzioni pacifiche alternative ai conflitti. Neanche il tempo di organizzare una riunione e i missili erano gà partiti.

Il secondo è la rapidità decisionale di nazioni come Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia che, disinteressandosi completamente degli organismi internazionali e dei partner europei, decidono di portare la guerra in ogni dove. Fortunatamente azioni di guerra annunciate e chirurgiche. 

Terzo la capacità della Russia di mantenere i nervi saldi evitando, per il momento, azioni di rivalsa.

Siria e Usa: un copione già visto in Iraq

Già una volta, nel corso della guerra lampo contro Saddam Hussein, i soliti tre erano certi di aver trovato la pistola fumante indispensabile per motivare una guerra. Ricordiamo tutti come finì e i disastri in termini di vuoto di potere e di migrazioni incontrollate.

In Siria pare ripetersi il copione studiato per Saddam Hussein. Stessa certezza di aver le prove dell’uso di armi chimiche da parte dell’esercito di Bashar al Assad. In particolare utilizzo di gas al cloro e del micidiale Sarin.

Anche in questo caso spuntano decine di testimoni pronti a confermare questa tragedia.

Unica speranza è che questa volta si tratti solo di un pesante avvertimento al regime siriano e non l’inizio di un conflitto più vasto.

Quindi dopo l’attacco in Siria ecco la nuova minaccia di sanzioni da parte di Donald Trump contro la Russia. La giustificazione di Theresa May che in Parlamento si prende la responsabilità dell’attacco considerandolo l’unica alternativa alla sofferenza del popolo siriano colpito da armi improprie. 

E dal canto suo il presidente francese Macron conferma, fortunatamente, che questo attacco ‘ non è una dichiarazione di guerra ma una risposta precisa e determinata all’uso di armi chimiche’.

 

Siria e Russia: i nervi russi ago della bilancia

Ed ora, sperando che le azioni dimostrative e punitive finiscano, si aspettano due eventi. Il primo (che potrebbe non succedere) è rappresentato dalla visita degli ispettori dell’ Organizzazione mondiale contro l’uso di armi chimiche (OPAQ). L'Organizzazione vorrebbe visitare i siti di produzioni chimiche. La Russia ha già detto di no una volta e molto probabilmente  si ripeterà adducendo motivi di sicurezza nella zona militare di Duma.

Il secondo la risposta sul territorio dell’esercito governativo siriano contro i nemici siriani. Di certo altre vittime innocenti.

Fortunatamente la Russia sta tenendo i nervi saldi. Preannuncia risposte dure, ma solo se ci saranno nuovi attacchi. 

Fino a quando si potrà mantenere questo delicato equilibrio? 

Troppi gli interessi in campo, troppi gli attori che hanno interesse ad essere protagonisti. 

Troppo poche, purtroppo, le voci pacifiste che contano.

Tags:
armi chimichesiria
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.