A- A+
Esteri
Clima, Obama: "Difficile mettere d'accordo 200 Paesi"

"Sara' difficile mettere d'accordo 200 nazioni, ma sono convinto che faremo grandi cose". Lo ha detto Barack Obama in conferenza stampa a Parigi. Per il presidente americano "un accordo forte in questa conferenza inviera' un segnale che il cambiamento e' necessario e stimolera' l'innovazione energetica". Un accordo qui a Parigi, ha avvertito Obama, "e' un imperativo per l'economia e per la sicurezza".

Dopo lo sprone politico dato dai leader mondiali (oltre 150 quelli che erano presenti alla giornata inaugurale del vertice di Parigi), la Cop21 entra oggi nel vivo dei negoziati e della presentazione dei vari progetti ambientalisti. La storica giornata inaugurale e' stata segnata dalla sintonia tra Usa e Cina (resa plasticamente dall'incontro bilaterale tra il presidente Usa, Barack Obama, e quello cinese Xi Jinping), dall'iniezione di capitale privato in progetti di innovazione (alla testa dei quali si e' collocato il miliardario Bill Gates) e e dalle reticenze dell'India. Oggi sara' il turno dei negoziatori delle delegazioni nazionali, che dovranno spianare la strada la prossima settimana all'arrivo dei ministri ambientali, che dovranno siglare l'accordo finale: devono snellire una bozza di accordo di ben 54 pagine, che e' un labirinto di posizione contrapposte. Il ministro degli Esteri, Laurent Fabius, ha detto loro che hanno tempo fino a sabato per limare il piu' possibile le differenze, prima che il testo venga preso in consegna dai ministri per risolvere le questioni piu' spinose. I punti di maggiore frizione sono l'accordo su una revisione sistematica degli impegni sulle emissioni contaminanti, l'aumento dei finanziamenti per i Paesi piu' poveri (l'obiettivo e' di arrivare a 100 miliardi di euro all'anno entro il 2020, e lo status giuridico dell'accordo stesso. I Paesi piu' poveri spingono anche perche' le nazioni ricche trasferiscano loro tecnologia pulita. L'obiettivo e' giungere a impegni chiari e verificabili, e in cui tutti accettino metodi di controllo reciproco. Rimane inoltre ancora da definire quali parti di questo accordo, che deve essere accettato unanimemente da 195 Paesi, saranno giuridicamente vincolanti, un 'dettaglio' che rischia di far naufragare in toto il tentativo di limitare il surriscaldamento globale a un massimo di 2 gradi rispetto ai livelli dell'era preindustriale. Oggi sono anche previsti gli annunci di nuove iniziative come quella per frenare la desertificazione in Africa, presentata insieme dal presidente francese, Francois Hollande,e quello egiziano, Abdelfattah al Sisi, e vari leader del continente. Inoltre, una decina di Paesi annunceranno una serie di misure per il rimboschimento come strumento nella lotta al cambiamento climatico.

Tags:
obamapaesiclima
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.