A- A+
Esteri
Corte Suprema, immunità per alcune azioni di Trump
Donald Trump

Corte Suprema, immunità per alcune azioni di Trump

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha portato alla luce una decisione cruciale in relazione al processo che vede al centro l'ex presidente Donald Trump per il suo ruolo nell'assalto al Capitol Hill avvenuto il 6 gennaio 2021. La massima istituzione giudiziaria americana ha deciso di concedere a Trump una forma di immunità limitata, stabilendo un netto confine tra le azioni intraprese dall'ex presidente nell'esercizio delle sue funzioni ufficiali e quelle derivanti dalla sua condotta privata. Questa decisione incarna un momento significativo nell'interpretazione dei poteri presidenziali e nella loro protezione legale, delineando le circostanze in cui un presidente in carica può agire senza temere conseguenze legali, sebbene imponga dei limiti ben precisi.

Immunità presidenziale parziale

Secondo la Corte Suprema, la distinzione tra atti ufficiali e atti privati è crucial per definire l'applicabilità dell'immunità presidenziale. Gli atti ufficiali, ossia quelli intrapresi nell'ambito dei poteri costituzionali assegnati al presidente, godono di una completa protezione. Ciò significa che, per qualsiasi azione rientrante in questa definizione, l'ex presidente Trump non può essere ritenuto legalmente responsabile. Questa rappresentazione del suo prerogativa costituzionale gli offre un paracadute legale per una quota significativa delle sue azioni durante il mandato.

I limiti dell'immunità

Importante rilevare, tuttavia, che la Corte ha altresì precisato come l'immunità attribuita a Trump non si estenda alle condotte ritenute private. Questo criterio demarca chiaramente le azioni che cadono al di fuori del perimetro "proteggibile", permettendo così al processo relativo alle vicende dell'assalto a Capitol Hill di procedere, seppure con ostacoli legati alla necessità di categorizzare le azioni dell'ex presidente in maniera appropriata. La distinzione tra pubblico e privato diventa quindi un asse fondamentale attorno al quale ruoterà la prosecuzione del caso legale.

La risposta Di Trump

L'ex presidente Trump ha accolto con favore la decisione della Corte, esprimendo la sua soddisfazione attraverso un comunicato sul suo social media Truth. Ha interpretato questo esito come una «grande vittoria per la nostra costituzione e la democrazia», enfatizzando il suo orgoglio nell'essere americano. Questa dichiarazione rispecchia la percezione di Trump riguardo la sentenza come un endorsement della divisione dei poteri e della sovranità del ruolo presidenziale, piuttosto che come una limitazione della sua figura.

Implicazioni della decisione della Corte

La divisione di opinioni all'interno della Corte Suprema - con sei giudici conservatori a favore della decisione e tre liberali contrari - rispecchia la profonda polarizzazione su temi costituzionali che attraversa il paese. La sentenza, da un lato, riafferma l'importanza dell'immunità presidenziale come strumento a protezione delle funzioni ufficiali del presidente, dall'altro pone un'attenzione scrupolosa sui limiti di tale immunità, sottolineando la necessità di mantenere un equilibrio tra potere e responsabilità. Il caso di Donald Trump si aggiunge così alla letteratura giuridica americana come un punto di riferimento su come vengono interpretati oggi i poteri e le protezioni affidati alla figura presidenziale e su come questi si confrontano con le azioni personali che esulano dal mandato ufficiale.

Trump esulta, 'grande vittoria per la democrazia' 

"Grande vittoria per la nostra costituzione e la democrazia. Orgoglioso di essere americano!". Così Donald Trump commenta sul suo social media Truth la sentenza della Corte Suprema sull'immunità.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.